Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Patto d'amore, scatta il piano B per pioggia: celebrazioni nella Basilica

La basilica della Madonna della Quercia; le celebrazioni si svolgeranno al chiuso

In Citta'
Font

VITERBO - Il Patto d’Amore tra Viterbo e la sua custode nella Basilica della Madonna della Quercia.

Annullata causa maltempo la processione, rimane confermato l’appuntamento con il Patto d’Amore che il sindaco Leonardo Michelini rinnoverà alle ore 17:00 all’interno della Basilica della Quercia, alla presenza del vescovo Lino Fumagalli.

Pin It

Domani, domenica 10 settembre, sarà quindi una giornata storica per Viterbo che festeggerà l'inizio del VI Centenario della Madonna della Quercia e i 550 anni del Patto d'Amore. Alle ore 10 si aprirà la Porta Santa ed inizierà il Giubileo Straordinario di un anno, concesso da Papa Francesco per il VI Centenario della Madonna della Quercia.

Nel pomeriggio, durante il Patto d’Amore - mutandone il rituale del primo risalente a 550 anni fa - saranno esposte le reliquie di undici santi legati a Viterbo e consegnate le cinque chiavi argentee delle porte cittadine alla Madonna della Quercia, formalmente nominata Custode della città dal Comune di Viterbo il 17 maggio scorso e già voluta Patrona della Diocesi da San Giovanni Paolo II nel 1986.

Per celebrare ulteriormente questa occasione irripetibile e rendere conto della grande devozione dei viterbesi alla Madonna della Quercia, l’amministrazione comunale ha organizzato un’esposizione di 3 capolavori del ‘600 a tema mariano nella sala a lei dedicata all’interno del palazzo dei Priori; la mostra ““Viterbo e la sua Custode - Capolavori ritrovati: opere del '600 a Palazzo dei Priori”, inaugurata ieri ed aperta a chiunque desideri immergersi nell’eleganza sacra della pittura all’interno di una cornice architettonica altrettanto straordinaria, ha notevole prestigio grazie alla firma delle tre massime espressioni viterbesi del seicento che ebbero ed hanno un rilievo significativo nella storia dell’arte: Giovan Francesco Romanelli, Cesare Nebbia e Aurelio Lomi.