Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Elezioni europee: i primi dati premiano Antonella Sberna, quinta nella lista di Fratelli d'Italia

In Citta'
Font

VITERBO - La lunga notte europea di Antonella Sberna parte con un ottimo risultato: dai primi dati sulle preferenze dell'intero collegio del Centro Italia si attesta al quinto posto, esclusa ovviamente Giorgia Meloni che non preparerà la valigia verso Bruxelles, lasciando libero il posto e soprattutto il seggio.

Pin It

La leader e fondatrice, nelle prime proiezioni su 816 sezioni di 11.829, quindi decisamente parziale, vanta già più di 26 mila preferenze, staccando Ciccioli a poco più  di 3 mila, seguito da Squarta, Torselli e Procaccini, tutti sopra i 2 mila.
Ed è qui che arriva la prima donna, Antonella Sberna, la candidata viterbese che accumula un buon bottino di 1.722, staccando di più di mille preferenze Dorina Casadei.

Scendendo sul dato regionale si nota come gran parte dei voti siano del Lazio e soprattutto del viterbese.

Se il trend dovesse proseguire la posizione di Antonella Sberna sarebbe ottima e in linea con i seggi che venivano ipotizzati in funzione dei sondaggi, tenendo anche conto delle difficoltà che stanno vivendo i partiti di Calenda, Renzi e Bonino, i quali al momento rischiano di non raggiungere il quorum, lasciando così altri seggi spettanti all'Italia ai partiti che invece lo supereranno.

Attendiamo i dati della notte per il risultato ufficiale, ma le premesse sembrebbero decisamente positive per Antonella Sberna e Fratelli d'Italia Viterbo, che ha comunque dimostrato un'ottima organizzazione, specie su un territorio vasto che comprendeva Lazio, Toscana, Umbria e Marche. Anche l'aggiornamento dei dati sta consolidando il risultato.

Teresa Pierini