Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Steven Holl accolto a Civita di Bagnoregio dal vicesindaco Luca Profili

In Provincia
Font

BAGNOREGIO - Grande emozione nel grazioso borgo, dove è giunto l'atteso architetto Steven Holl, ospite per ricordare Astra Zarina, restauratrice di numerosi edifici proprio a Civita.

Pin It

Non nasconde l'emozione il vice sindaco Luca Profili: "Oggi a Civita abbiamo avuto l’onore di accogliere Steven Holl, uno degli architetti più grandi al mondo. Dal 2016 lavoravamo per portarlo a Civita, ci siamo riusciti.

Steven ha donato la progettazione di un’opera che ricorderà Astra Zarina, nel suo belvedere. Un giorno storico per noi - conclude - per questa comunità che ha visto in Astra la prima che ha creduto in quello che Civita è ora. Abbiamo dedicato a lei una sala di palazzo Alemanni. Grazie a tutti coloro che hanno contribuito a realizzare questa giornata, a coloro che contribuiranno a ricordare ancora Astra, nell’anno in cui ricorrono 90 anni dalla sua nascita".

Proprio per omaggiare la memoria “di Astra”, come più volte ha voluto sottolineare lo stesso Holl, ha inteso prendere parte alla giornata che l'Università La Sapienza e il Comune di Bagnoregio hanno voluto dedicare. Giorno importante, caratterizzato da due precisi momenti. L'arrivo dell'archistar Holl sul versante nord di Civita dove sarà realizzata un'opera dedicata alla Zarina e l'intitolazione alla stessa dell'aula didattica di Palazzo Alemanni.

Ad accogliere Steven Holl il vicesindaco Luca Profili, che lo ha accompagnato in questa giornata bagnorese. L'archistar ha scoperto, al belvedere del versante nord, il drappo rosso che copriva la stampa del suo progetto e l'ha illustrato ai presenti.

“Civita ci racconta della poesia della vita e quando, da studente, sono venuto qui con Astra la mia esistenza è cambiata. Astra ha ispirato con il suo pensiero tantissimi studenti, mi ha trasformato la vita. In questa opera, realizzata in basaltina, c'è una parte in bronzo che raffigura quattro sfere. Queste raccontano Astra: la prima rappresenta lei da studiosa, la seconda da docente ispiratrice, la terza lei come cittadina del mondo e infine la quarta che parla di Civita come poesia della vita, un concetto a lei tanto caro”. Le parole di Steven Holl ai tanti presenti. Tra questi anche il direttore creativo di Gucci Alessandro Michele.