Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

"Vincenzo Cardarelli, poesie e memorie": conferenza a Palazzo Bruschi

In Provincia
Font

TARQUINIA - Si terrà domani, giovedì 15 febbraio, alle ore 17.30, presso il prestigioso Salone delle Feste di Palazzo Bruschi (via Umberto I, n. 34), la conferenza "Vincenzo Cardarelli, poesie e memorie".

Pin It

Partendo dal lavoro della dottoressa Veronica Cantina, l’evento è incentrato sulla figura del poeta e prende le mosse da un excursus della sua vita.

Si prenderà in esame la sua opera più grande: Villa Tarantola, nella quale Cardarelli ricorda le cose che lo facevano sentire bene, ma anche a disagio, quando si trovava a Tarquinia.

Verrà presentato poi un elenco di temi ricorrenti in ogni suo lavoro: dal sentimento della morte, al tempo che scorre veloce e inesorabile, dall’amore, punto cardine nella sua vita, alla donna.

Si farà infine un salto in avanti, presentando le ultime volontà del poeta in un testamento custodito in un insieme di tre volumi di epistolari.

L'evento è organizzato dall'associazione "Amici del Cardarelli", con il patrocinio del Comune di Tarquinia. Interverrà il presidente Stefano Monti per i saluti e una breve introduzione, il giornalista Fabrizio Ercolani e Veronica Cantina, laureata in Filologia moderna con una tesi dedicata alla figura del poeta.

"Sarà una bellissima occasione - conclude Stefano Monti - per approfondire la vita e le opere del poeta, nonché il suo legame con la città di Tarquinia. Ringrazio l'amministrazione comunale per la fattiva collaborazione e invito tutti a partecipare, anche per conoscere lo splendido lavoro realizzato dalla nostra concittadina Veronica. Importante, infine, la presenza dell'Istituto Cardarelli, affinché gli stessi ragazzi possano apprezzare meglio questa figura, della quale la loro scuola porta il nome".