Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Cinque spettacoli per bambini anticipati da letture nel foyer: arriva “A teatro in famiglia”

Teatro e Cinema
Font

VITERBO - Prosegue la rassegna dedicata ai più piccoli “A teatro in famiglia”, una rassegna eterogenea che vede spettacoli che spaziano dal circo contemporaneo, alla musica, alla narrazione e alla prosa.

Pin It

La vendita dei biglietti sarà attiva presso il botteghino del Teatro dell’Unione a partire da oggi, 24 gennaio. Ogni spettacolo sarà arricchito da “Libri in scena - Percorso di letture nel foyer” a cura di Librimmaginari, progetto di Arci Comitato Viterbo volto alla promozione della lettura e del libro illustrato di qualità.
Libri in scena, parte di questo percorso, sarà tenuto dall’Associazione Culturale La Metaphora con Marcella Brancaforte, Saskia Menting e Augusto Terenzi. Prima di ogni rappresentazione verrà allestito un angolo dedicato alla lettura. L’appuntamento è in foyer alle 16:45, aperto ai bambini e ai genitori.

Questa la programmazione completa di “A teatro in famiglia”:

Domenica 4 febbraio ore 18.00 JOHANN SEBASTIAN CIRCUS Circo El Grit
Bach è tornato e si adegua alla nuova musica, obbligando a numeri strambi i suoi musicisti e i danzatori. Fra di loro c’è un clown che cerca l’equilibrio in una vita stonata, un fragile punto d’incontro fra la musica di dentro e quella di fuori che troverà con un violino. E poi una giovane e timida danzatrice che con piccoli saltelli ricorderà di saper ballare. Ma il ballo è sogno, allora immagina di poter volare e danzare nell’aria follemente. Una spericolata acrobata aerea, un clown equilibrista e un musicista multistrumentista prendono per mano il pubblico e l'accompagnano nella loro quotidianità, nei loro ricordi, nelle loro fantasie. Spettacolo adatto a tutta la famiglia, in Johann Sebastian Circus il carattere multidisciplinare del circo contemporaneo, con le sue danze, giocolerie ed acrobazie, incontra il potere della musica.
Età: dai 3 anni
Di: Fabiana Ruiz Diaz, Giacomo Costantini, con: Fabiana Ruiz Diaz, Giacomo Costantini, Andrea Farnetani, in collaborazione con: Andres Tato Bolognini
Creazione Luci: Marco Oliani, adattamento luci: Domenico De Vita, sostenuto da: MiBACT Direzione Generale Spettacolo dal vivo, Regione Marche Assessorato alla Cultura; produzione: Circo El Grito, co-produzione: Fondazione Pergolesi Spontini.  

Sabato 17 febbraio ore 18.00 Pinocchio, una favola in musica, riletto da Edoardo Leo.
Il più grande fantasy italiano, fiaba immortale conosciuta in tutto il mondo, riletta da Edoardo Leo con le musiche dal vivo di una orchestra sinfonica. Una favola in musica per scoprire come tornare ad essere, o forse diventare, finalmente, bambini. Il "Pinocchio" di Edoardo Leo viaggia nelle sue mille avventure in un racconto musicale declinato attraverso il teatro e la musica, che procedono in simbiosi. Uno spettacolo sfaccettato in cui la voce recitante di Edoardo Leo viene accompagnata e valorizzata dalla meravigliosa musica interpretata dall'Orchestra Giovanile di Roma, diretta dal M° Vincenzo Di Benedetto. Le musiche sono quelle celebri di Fiorenzo Carpi, le stesse della versione televisiva firmata da Luigi Comencini nel 1972, che attraversano e animano tutta la narrazione. Edoardo Leo ha accettato la sfida di interpretare tutti i personaggi, caratterizzando ciascuno con un dialetto diverso, colorando i vari personaggi delle diverse cadenze regionali e delle loro peculiarità: Pinocchio è fiorentino, Lucignolo è romano, la Fatina è lombarda… E’ un pinocchio “italiano”, di “tutti gli italiani” nelle loro differenze, caratteristiche e punti in comune, che dal mondo astratto del fantastico viene fatto rivivere più contestualizzato nella varietà dei “tanti modi di essere italiani”.
Età: dai 3 anni.
Musiche dal vivo con L'Orchestra giovanile di Roma, direttore: Vincenzo Di Benedetto, coproduzione Arte2o Eventi – I Concerti nel Parco, tratto da “Le avventure di Pinocchio” di Carlo Collodi, elaborazione drammaturgica di Riccardo Diana, musiche di Fiorenzo Carpi, orchestrazione a cura di Simone Cardini, crediti fotografici Matteo Casilli

Sabato 10 marzo ore 18.00, Il tenace soldatino di piombo, un film da palcoscenico, Teatro delle Apparizioni,  da H. C. Andersen, un'idea di Fabrizio Pallara.
Una stanza, molti giocattoli, una finestra che si affaccia su un esterno immaginario, la pioggia, le luci soffuse di un interno intimo e caldo, per raccontare la storia del soldatino di piombo e della sua ballerina.La celebre fiaba viene reinterpretata in un gioco in cui gli oggetti prenderanno vita parlando, combattendo, danzando, protagonisti di un film teatrale proiettato su un grande schermo in diretta.Il set è dunque la stanza dei giochi, il luogo in cui avviene la meraviglia e qui il teatro si mostrerà nel suo farsi al servizio dell’occhio della telecamera che, come il buco della serratura di una porta invisibile, offrirà agli spettatori uno sguardo inedito e privilegiato, per entrare nella storia osservando il piccolo e l’impercettibile.Due piani di azione, due differenti visioni, due linguaggi a confronto, quello teatrale e quello cinematografico, che si sveleranno e si misureranno per unirsi e raccontare una grande storia d'amore. 
Età: dai 4 anni
Di Valerio Malorni e Fabrizio Pallara, con Valerio Malorni/Francesco Picciotti e Fabrizio Pallara, produzione teatrodelleapparizioni/Teatro Accettella. Eolo Awards 2015 come Miglior spettacolo di Teatro di Figura, spettacolo vincitore del premio Operatori Piccoli Palchi 2014/2015.     

Domenica 25 marzo ore 18.00 Zeus e il fuoco degli Dei, Compagnia Teatro Verde.
Fulmini e saette! Zeus si è arrabbiato. Qualcuno ha osato rubare il sacro fuoco degli dei e lo ha regalato agli uomini. Chi è stato? Su chi ricadrà la terribile vendetta del re degli dei? La nostra storia comincia dalla fine: Prometeo (ebbene sì, è stato lui!) giace incatenato ad una roccia tormentato da un'aquila che gli rode il fegato. La tragedia/commedia di prometeo viene raccontata con un piglio ironico ma mai parodistico, in cui si percepisce l'audacia degli uomini e la prepotenza degli dei, incarnati in Zeus capriccioso quanto potente, invincibile quanto vendicativo. Le uniche armi a disposizione di Prometeo e degli uomini sono il coraggio e l'ironia. Basteranno? Come ogni tragedia che si rispetti, anche qui troveremo un coro: le tre arpie ci accompagneranno per tutta la narrazione, confondendo il coro tragico a quello musicale…
Età: dai 5 anni
Di Anna Pavignano e Luisa Mattia, con Giovanni Bussi e Andrea Calabretta, regia Armando Traverso, scene, costumi, burattini Santuzza Calì, musiche originali Enrico Biciocchi.    

Sabato 7 aprile ore 18.00, Il magico Zecchino d'oro.
Per i suoi primi 60 anni lo Zecchino d'oro si regala un Musical, realizzato in occasione del sessantesimo anniversario dalla nascita della celebre kermesse televisiva, che si avvale per la propria colonna sonora di alcune delle canzoni più belle dello Zecchino d'oro.
La trama, completamente originale, racconta la vicenda di Alice, una bambina un po' particolare e dalla spiccata fantasia, la quale, una sera, poco prima di addormentarsi, viene svegliata da un strano e singolare tintinnio. E', infatti, precipitato direttamente dalla luna proprio nella sua cameretta lo “zecchino d'oro” dai magici poteri con il quale “l'Omino della luna” è solito mandare durante la notte i sogni a tutti i bambini del mondo mentre dormono.
Inseguiti dalla terribile Strega Obscura, intenzionata ad impadronirsi dello zecchino magico, Alice e l'Omino della luna, si troveranno a compiere un fantastico viaggio in un mondo incantato fatto di sogni e, tra colpi di scena e rocambolesche avventure, finiranno per incontrare alcuni dei personaggi più famosi del mondo dello Zecchino d'oro: dal Katalicammelo, al Carciofo bulletto, dalla Peppina e il suo caffè, al Torero Camomillo e tanti altri.
Le canzoni, scelte per popolarità e riconoscibilità, incalzeranno nella trama e daranno vita a uno spettacolo avventuroso, un vero e proprio fantasy in stile musical, in grado, da una parte, di divertire i più piccoli e, dall'altra, di riportare i più grandi a rivivere, con un pizzico di nostalgia, le canzoni dello Zecchino che hanno costellato alcuni momenti della loro infanzia attraverso un viaggio nei ricordi di uno spaccato indimenticabile della storia del nostro paese.
Il cast è composto da sei performer (attori cantanti e ballerini) individuati attraverso un casting esteso a tutto il territorio nazionale.
Età: dai 3 anni
Una produzione: Antoniano di Bologna, Fondazione Aida e Centro Servizi Culturali Santa Chiara,  regia Raffaele Latagliata, testo Pino Costalunga, Raffaele Latagliata, musiche originali Zecchino d’oro, riarrangiate da Patrizio Maria D’Artista. Con Gennaro Cataldo, Stefano Colli, Enzo Forleo, Maddalena Luppi, Giada Maragno, Rebecca Pecoriello, coreografie di Elisa Cipriani e Luca Condello, scene Andrea Coppi con la partecipazione di Paolino Libralato, costruzione scene Andreea Coppi, Guglielmo Avesani, costumi Antonia Munaretti, pupazzi e attrezzatura scenica Nadia Simeonova, responsabile tecnico Simone Meneghelli, fonica Mario Gottardi, squadra Tecnica Simone Cavazza, Carlo Villa, tour Manager Andrea Avanzi.   

Costo dei biglietti: bambini 5 €, intero 10 € + 1 € di prevendita, ridotto 8 € + 1 € di prevendita. 

Il botteghino del Teatro dell’Unione è aperto tutti i giorni, escluso il lunedì, negli orari 10-13 e 15-19. 

Contatti: 3889506826, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., www.teatrounioneviterbo.it Facebook Teatro dell'Unione, Twitter @teatrounione Instagram @teatrounione