Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Cinema nelle bilioteche dei Monti Cimini: a Vignanello arriva “Abbraccialo per Me”

Teatro e Cinema
Font

VITERBO - Secondo appuntamento, venerdì 29 giugno, per il progetto “Cinema nelle Biblioteche dei Monti Cimini” che vede protagonista la proiezione del film “Abbraccialo per Me” del maestro Vittorio Sindoni.

Pin It

La proiezione avrà luogo alle 18:00 nell’Ex Cinema Comunale in corso Matteotti a Vignanello, interverranno nel dibattito antecedente al film: il vice sindaco e assessore alla cultura Sabrina Sciarrini, il fiduciario del sindacato nazionale critici cinematografici del Lazio Claver Salizzato, la psicologa dello sviluppo ed educazione, Sabrina Serafini, l’attore teatrale e cinematografico Remo Stella, il sirigente del Liceo Artistico “Midossi” Franco Chericoni, il neuropsichiatra infantile Vincenzo Di Gemma. 

Il film “Abbraccialo per me” racconta di una madre alle prese con la patologia mentale del figlio. In un piccolo centro della Sicilia, il giovane Francesco conduce una vita apparentemente normale assistito da una madre iperprotettiva, un padre dispotico e assente e una sorella premurosa. Il ragazzo soffre tuttavia di un disturbo mentale sempre più manifesto di cui anche i genitori saranno costretti infine a prendere atto, rimettendo in discussione l’equilibrio della famiglia e i destini del figlio.

C’è un piccolo borgo del Sud Italia con i suoi santi, il parroco, l’Arma, la processione votiva. Ci sono i residenti che vi abitano, facce note, che vivono in casupole troppo strette tra loro per non ficcanasare. E c’è Francesco, interprete suo malgrado di una diversità, additato dalla cittadinanza che lo chiama Ciccio Tamburo in nome della sua passione per la batteria. Le dicerie però non sono tutte maldicenze, e a Ciccio viene presto diagnosticata una sindrome dissociativa. Ha scatti d’ira incontrollati, incarna le sue paure nella figura di un immaginario Uomo Nero, si intrattiene con la contessa vicina di casa, con cui condivide la musica e la solitudine dell’isolamento.

Il progetto è promosso dalla Comunità Montana dei Cimini, con il Patrocinio della Regione Lazio (Progetto finanziato con L.R. 26/2009 – Avviso pubblico finalizzato allo sviluppo dei Sistemi di Servizi Culturali) e la partecipazione dei Comuni di Blera, Canepina, Capranica, Caprarola, Carbognano, Nepi, Oriolo Romano, Ronciglione, Soriano nel Cimino, Vallerano, Vetralla, Vignanello, Vitorchiano, Barbarano Romano, Civita Castellana e del Museo della Ceramica di Viterbo. 

L’iniziativa sviluppata dall’Associazione Arca e dalla Kinema Association, coinvolge biblioteche e servizi culturali dei sedici comuni e darà la possibilità al pubblico di assistere per la prima volta a 50 proiezioni totalmente gratuite di film indipendenti e d’autore. 

I film indipendenti scelti con molta cura, daranno la possibilità al pubblico di vedere qualcosa che normalmente non si trova in Tv o nella grande distribuzione.

I film classici, scelti per l’appartenenza ai luoghi, completeranno l’esperienza.