Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Dantedì: dal Teatro Unione va in scena streaming Inferno Novecento

Teatro e Cinema
Font

VITERBO - Si alza di nuovo il sipario del Teatro Unione in occasione del Dantedì: giovedì 25 marzo, in streaming sulle pagine istituzionali e anche sulla pagina fb Latuaetruria, andrà in scena lo spettacolo Inferno Novecento, con Sandro Lombardi e David Riondino, per la regia di Federico Tiezzi.

Pin It

E' da poco terminata la conferenza stampa zoom con il sindaco Arena, l'assessore De Carolis e, per Atcl, il direttore Fornari con Andrea Maurizi e Simona Marinella.

L'accoglienza con il padrone di casa: "Capita purtroppo sempre più di rado incontrarsi per iniziative culturali - precisa Giovanni Arena - ci siamo adeguati e Atcl ha trovato il modo per salvaguardare la stagione, con la modalità offerta al momento, sperando che presto si possa uscire con le dovute cautele, dopo il vaccino. Penso agli attori, ai registi a tutti gli addetti del settore che hanno bisogno del calore del pubblico per la giusta gratificazione. Per ora restiamo in streaming e siamo pronti a vivere alla traslazione dell'Inferno Dantesco sui personaggi del Novecento, un'opera originale che ora vi presenteranno".

Il primo spettacolo di prosa, dopo i concerti trasmessi, con molto successo, dal palco del teatro viterbese a dicembre: "Andiamo a presentare l'appuntamento Dantedì, 700 anni dalla morte di Dante, un personaggio molto legato alla città e noi lo leghiamo ai 750 del Conclave. Dal 25 marzo prende il via la stagione rimodulata in corsa, sempre in streaming. Seguiranno una serie di eventi dedicati alle due celebrazioni".

Il difficile momento del settore è stato affrontato direttamente dal direttore Atcl, Luca Fornari: "Parto da una premessa, il covid ha ripercussioni enormi sul mondo del lavoro, nello specifico il settore dello spettacolo è colpito in maniera ancor più forte, ed era già in grande difficoltà. Inoltre è complesso anche pianificare, per aprire un negozio basta riassortirlo, strutturare una produzione teatrale non è una cosa che si possa fare da un giorno all'altro, nessuno lavora e pianifica perché non c'è certezza su quando andare in scena. Vogliamo dare un segnale di speranza e di futuro, offrendo spettacoli di straordinario livello, partendo proprio da 'Inferno Novecento', che va oltre alle intrerpretazioni filologiche che saranno molte, aprire con un'opera così attuale dà un vero messaggio. Temo che prima dell'estate non si potrà fare nulla in presenza, quindi presentiamo appuntamenti di accompagnamento verso giugno, tre di musica e uno teatrale, sperando poi di tornare in piazza San Lorenzo. Stiamo coinvolgendo nomi importanti, per fare un percorso di valorizzazione dello spazio, il Teatro Unione, magari, se possibile, andando in diretta con gli spettacoli musicali. Sottolineo però che la messa in onda è sempre nella formula 'qui ed ora', un momento in cui dobbiamo essere tutti insieme a seguire, come sarebbe in platea".

Si parte quindi il 25 marzo alle 22, con replica sabato 27 alle 21, con "Inferno Novecento", produzione Compagnia Lombardi - Tiezzi, regia Federico Tiezzi, autore Fabrizio Sinisi, protagonisti Sandro Lombardi e David Riondino (Durata 80 minuti, Anno di produzione: 2020).

Inferno Novecento offre una inedita chiave, e una serie di suggestioni attraverso cui il mondo contemporaneo può interpretare la prima cantica dantesca: ma anche un modo per farsene interpretare.

La grande poesia di Dante diventa un percorso all’interno delle contraddizioni dell’uomo contemporaneo. E a sua volta la contemporaneità intride di nuove figure e conferisce nuova vita al poema.

Lo spettacolo, che nasce da un’idea del giovane drammaturgo Fabrizio Sinisi, mette a confronto i maggiori personaggi dell’Inferno con grandi icone del Novecento (Lady Diana e Dodi Al Fayed, Marylin Monroe, Giulio Andreotti, Andy Warhol, Pier Paolo Pasolini…) o con momenti cruciali della sua storia (Hiroshima, il Vietnam, la guerra del Golfo…), costruendo una diversa possibilità di lettura e fruizione del poema fondante della nostra cultura.

Dieci anni dopo Dante Inferno, Federico Tiezzi riunisce di nuovo Sandro Lombardi e David Riondino intorno alla Commedia, per disegnare il suo Inferno Novecento.

Lo spettacolo sarà online sulla pagine istituzionali FB Teatro Unione, Atcl, Comune di Viterbo (compreso il profilo Youtube) e verrò rilanciato anche dai giornali online, tra cui la nostra pagina Fb Latuaetruria.

Teresa Pierini