Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Re Granchio e il premio "Tuscia Terra di Cinema" al Tuscia Film Fest

Teatro e Cinema
Font

VITERBO - Quarto appuntamento della diciannovesima edizione del Tuscia Film Fest 2022, lunedì 11 luglio in piazza San Lorenzo (ore 21.15) Alessio Rigo de Righi e Matteo Zoppis accompagnati dall’attore protagonista Gabriele Silli, presenteranno la loro opera prima Re Granchio.

Pin It

Gli esordienti registi - grazie al loro rapporto con il territorio della provincia di Viterbo dove hanno girato sia Re Granchio che altri loro precedenti lavori (Belva nera, Il solengo) - riceveranno nel corso della serata il premio Tuscia Terra di Cinema “Luigi Manganiello”.

Presentato alla Quinzaine des Réalisateurs di Cannes 74, il film è “un formidabile incontro fra realtà e immaginario” e narra la storia di Luciano, allontanato dalle sue terre contadine a causa di un amore impossibile che lo porterà a girovagare per le terre desolate di un mondo lontano, in cerca di un tesoro e con la vana speranza di cambiare la propria vita.

Girato tra il borgo di Vejano nella Tuscia e i paesaggi argentini della Terra del fuoco, è stato candidato ai Nastri D’argento come miglior soggetto e al David di Donatello per il miglior esordio alla regia.

Il Tuscia Film Fest continuerà martedì 12 con Domenico Procacci; il produttore e fondatore di Fandango sarà a Viterbo nell’inedita veste di regista del documentario Una squadra che racconta le vicende del gruppo di tennisti - Adriano Panatta, Paolo Bertolucci, Corrado Barazzutti e Tonino Zugarelli - che nel corso degli anni ’70 regalarono all’Italia la prima ed unica Coppa Davis della sua storia.

Mercoledì 13 luglio poi - dopo cinque anni - tornerà al Tuscia Film Fest Pif. Sarà lui, accompagnato dallo sceneggiatore Michele Astori, il protagonista della serata che vedrà la proiezione di E noi come stronzi rimanemmo a guardare…, opera terza del regista palermitano.

La prevendita dell'evento è disponibile sul sito www.tusciafilmfest.com e a Viterbo presso il Museo Colle del Duomo in piazza San Lorenzo e il Museo dei Portici in piazza del Plebiscito (ogni giorno dalle ore 10 alle ore 19).

La biglietteria dell'arena apre ogni sera alle ore 19.30 in Piazza della Morte.