Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

"L'operazione": un classico di Stefano Reali riporta la prosa al Teatro Unione

Teatro e Cinema
Font

VITERBO - Continua la stagione di prosa al Teatro dell’Unione il 7 gennaio con lo spettacolo L'Operazione; alle 18:00 andrà in scena la commedia scritta e diretta da Stefano Reali, con Antonio Catania, Nicolas Vaporidis, Gabriella Silvestri e la straordinaria partecipazione di Maurizio Mattioli e con  Marco Giustini. 

Pin It

Nell’estate del 1990, in un grande ospedale romano, nelle "notti magiche" in cui infuria la passione per i mondiali di calcio, Massimo, un ragazzone sui trentacinque anni, grazie a una raccomandazione, riesce a farsi ricoverare nel reparto Ortopedia; deve sottoporsi a un’operazione quasi voluttuaria, la ricostruzione dei legamenti del ginocchio, per poter continuare a giocare a calcio, la sua grande passione.

Ma la presenza del suo compagno di stanza Luigi, un lungodegente veterano dell'ospedale, lo induce a riflettere sulla futilità del suo caso: profondo conoscitore delle regole del gioco del microcosmo ospedaliero, Luigi gli racconta le sofferenze delle centinaia di pazienti che, non potendo permettersi una clinica privata, sono costretti ad aspettare anche anni, in lista d'attesa, che si liberi un posto letto. La tragica situazione del suo compagno di stanza, costretto a letto da sette anni con le gambe straziate da ripetuti e vani interventi chirurgici, inocula lentamente a Massimo dei dubbi sul buon esito del suo intervento, al punto da farlo esitare sull'opportunità di operarsi.

Ma chi è Luigi, in realtà? È veramente malato come sembra, o è un simulatore che ha trovato vitto e alloggio sine die a spese dello Stato, come sostiene il dottor Cupreo, giovane e rampante chirurgo ortopedico, che non vede l'ora di operarlo, per scoprire la verità? E chi è Massimo, in realtà? Com'è riuscito a farsi ricoverare in ospedale, scavalcando tutta la lista d'attesa, per farsi fare un'operazione che in clinica privata costerebbe decine di milioni di lire di allora?

Questo testo nasce nel 1989 come atto unico a tre personaggi dal titolo Operazione, all'interno della rassegna Attori in cerca d'autore, diretta da Ennio Coltorti, ed è stato rappresentato, nella sua versione più lunga, in due tempi, più volte dal 1991 al 1994 in Italia e all'estero. In particolare, è stato messo in scena in Inghilterra dal commediografo inglese Alan Ayckbourne, e ha vinto il prestigioso Be Bold Award come miglior testo straniero nel 1993.

Dalla commedia stessa, l’autore ha tratto un film, che è stato distribuito da Medusa nel 1997, dal titolo In Barca a Vela Contromano, interpretato da Valerio Mastandrea, Antonio Catania, Maurizio Mattioli ed Emanuela Rossi. Questo testo, semiautobiografico, è un mix di tragedia e commedia brillante, e la sua fama, grazie anche ai suoi continui colpi di scena, è durata negli anni.

Fin da quando è stato scritto, Operazione non voleva essere solo un testo, peraltro profetico, sui problemi della malasanità. È piuttosto una storia di amicizia, di tradimenti, di slealtà, ma anche di generosità inaspettate.Infatti, come spiega l’autore: “Un ospedale è un posto in cui scorre del sangue, un posto in cui si è a contatto con la morte e con la sofferenza molto più che altrove. In più, è un servizio gratuito, un servizio che lo stato mette a disposizione dei suoi cittadini: quindi un occasione dove fioriscono tutte le conseguenze inevitabili quando c'è una torta da spartirsi: mercati neri, raccomandazioni, assunzioni pilotate, eccessi di sindacalismo, boicottaggi del personale, pressioni, violenze, nonnismo, e prepotenze di ogni genere. Insomma, la vita in comune della corsia ospedaliera è un condensato, un microcosmo di ciò che la società è fuori. […] Ma dove c’è spazio per la violenza, e quindi per la prepotenza, a volte c’è spazio anche per la generosità. Possiamo vederla spuntare, inaspettata, come un fiore tra le ceneri.”

Con Maurizio Mattioli, Antonio Catania, Nicolas Vaporidis e Gabriella Silvestri. Con Marco Giustini. Scritto e diretto da Stefano Reali. Scene Carlo De Marino. Costumi Mara Gentile. Disegno Luci Stefano Lattavo. Direzione tecnica Stefano Orsini. Una produzione di Gianluca Ramazzotti per Ginevra Media Prod SRL. L'evento è promosso da ATCL Lazio con il finanziamento della Regione Lazio e del Comune di Viterbo.

Per informazioni www.teatrounioneviterbo.it e Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.