Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Degustando la Pasqua: gusto e bontà anche per il cuore

Sagre e Feste
Font

VITERBO - Tre giorni per omaggiare, assaggiare e valorizzare le bontà della Tuscia: torna Degustando la Pasqua, ottava edizione, sempre organizzata da Confartigianato imprese di Viterbo e i suoi artigiani, con il supporto del neonato Il sentiero del gusto, che raccoglie quanto di buono sia presente nel settore enogastronomico, il patrocino del Muvis, Museo del vino di Castiglione, Instagramers Viterbo per la diffusione social, e la consueta associazione tra Avis, Lux Rosae, Sodalizio Facchini di Santa Rosa e Diocesi per la parte benefica, dedicata all'importante progetto Campo delle rose.

Pin It

La presentazione nella sede Confartigianato, con le parole del direttore Andrea De Simone, che è sottolineato proprio la parte benefica: "Iniziativa di solidarietà e al tempo stesso evento che vuole dare un segnale preciso di valorizzazione del centro storico durante il primo week end di primavera. Sarà organizzato infatti un percorso guidato di degustazione, necessario a far conoscere le tradizioni pasquali viterbesi e portare persone e turisti nel cuore di Viterbo”. La manifestazione è in programma nella Chiesa di Sant'Egidio, Corso Italia, dal 23 al 25 marzo, con orario 10 - 20 ed ingresso gratuito. Inaugurazione venerdì alle 11.

Il centro storico, quindi, da sempre a cuore ad Angelo Proietti Palombi, che ha raccontato Il sentiero degli osti: "Cinque attività, 'osterie' del territorio, tutte con prodotti d’eccellenza, con cui saranno realizzati piatti speciali di stagione. L’Osteria 13 Gradi di Viterbo proporrà coratella d’abbacchio della Tuscia con carciofo romanesco, il Calice e la stella di Canepina il fieno ai carciofi di Tarquinia e Zenzero, il Casaletto di Grotte Santo Stefano l’agnello nostrano al forno e aggiunta di erette aromatiche, la Piazzetta del sole di Farnese le fettuccine fatte in casa alla 'vignarola' e infine la Trattoria del Cimino di Caprarola paglia e fieno con ragù di agnello della Tuscia e carciofo romanesco".

Nei tre giorni si svogerà la rassegna "Arte e sapori", che unirà il cibo a libri, incontri, workshop e degustazioni.

Torna anche il lato social, attraverso il concorso fotografico curato da nstagramers Viterbo. “Vogliamo raccontare l’iniziativa descrivendo cosa è la Pasqua. Una giuria voterà infine la foto migliore - ha precisato Donatella Pierguidi - e al vincitore andrà l’uovo metà latte e metà fondente messo a disposizione da Confartigianato”.Tutti gli igers sono invitati a pubblicare su Instagram i propri scatti con hastag #degustandola pasqua18, #igersviterbo e #confartigianatoviterbo, entro il 28 marzo.

E veniamo alla solidarietà, con la città che ancora una volta sceglie l'associazione Campo delle Rose per donare quello che sarà possibile. Il progetto prevede la realizzazine di una struttura per ragazzi autustici, che sia centro diurno, residenza e luogo di lavoro, grazie al terreno di 22 ettari messo a disposizone di una famiglia, con annesso un edificio che sarà la sede del progetto. Al loro fianco come sempre l'Avis e Lux Rosae, che insieme ai Facchini rimetterà a disposizione la brocca di Centesimiamo, con cui durante le feste di Santa Rosa sono stati raccolti 3mila euro.

Ci sarà molto da fare, per un progetto di un milione di euro, realizzato esclusivamente con fondi privati, e che al momento vede il traguardo a "soli" 300mila euro. C'è bisogno ancora di aiuto per stare vicino alle famiglie, proprio dove le istituzioni non fanno nulla, costringendo a faticose trasferte ad Arezzo dove i ragazzi sono accolti in una realtà eccellente, punto di riferimento per quella viterbese che sta nascendo tra il capoluogo e Marta.

"Sono la mamma di un ragazzo autistico di 28 anni che da 8 vive ad Arezzo dove abbiamo trovato accoglienza di grande qualità. Noi genitori vogliamo portare questa esperienza sul territorio. Stiamo realizzando un grande progetto - ha precisato la presidente Franca Sassara - un progetto educativo non certo un manicomio per autistici. I lavori stanno volgendo al termine e presto apriremo una porta ai genitori che non sanno cosa fare". L'associazione Campo delle Rose presenterà il progetto domenica alle 17.

Un motivo in più per visitare Degustando la Pasqua, fare il pieno di bontà, anche per il cuore.

Teresa Pierini