Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Fondazione Carnevale civitonico: 50 mila euro dal Comune per l'edizione 2023

Sagre e Feste
Font

CIVITA CASTELLANA - Ben 50mila euro per la Fondazione del Carnevale civitonico: li ha stanziati il Comune, con delibera di giunta, come previsto dalla convenzione sottoscritta con l’ente di recente formazione, con l’obiettivo di accrescere il valore della struttura e per organizzare gli eventi del Carnevale 2023.

Pin It

“Entriamo nel vivo – afferma il sindaco Luca Giampieri -, mettiamo carburante nel serbatoio della Fondazione per renderla operativa in vista dell’apertura del Carnevale 2023”.

Si comincia sabato 21 gennaio con l’installazione del “Puccio” in piazza Matteotti, un appuntamento spostato di qualche giorno causa maltempo: sarà grande festa con l’accompagnamento musicale della banda folkloristica La Rustica, degustazione di frittelloni, street food e animazione per bambini.

Gli appuntamenti proseguiranno giovedì 16 febbraio col Carnevale dei bambini, che prevede una sfilata in maschera dei più piccoli e una festa sempre in piazza Matteotti.

Per quanto riguarda l’organizzazione del Corso di Gala, la concomitanza delle elezioni per il rinnovo del consiglio regionale del Lazio, in programma domenica 12 e lunedì 13 febbraio, ha costretto la Fondazione a posticipare le date delle sfilate, che saranno programmate per domenica 19 febbraio, martedì 21 febbraio e domenica 26 febbraio, quando ci sarà anche la cerimonia di chiusura del Carnevale.

“Dopo due anni finalmente tornano le sfilate – aggiunge l’assessore allo Spettacolo Simonetta Coletta -, dopo due anni rinnoviamo la nostra tradizione. Sarà la prima volta per la Fondazione, e questo accresce l’attesa e anche l’emozione, perché siamo soddisfatti e consapevoli di aver dotato il Carnevale civitonico dello strumento operativo con cui crescere e svilupparsi ancora di più”.