Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Il mito si proietta sull'esperienza umana: al via la mostra “La Sfinge e altre creature fantastiche”

Mostre
Font

ISCHIA DI CASTRO - La Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per l’area metropolitana di Roma, la provincia di Viterbo e l’Etruria meridionale invita all'inaugurazione della mostra “La Sfinge e altre creature fantastiche”, oggi  martedì 7 agosto 2018, ore 18.30, presso il Museo civico archeologico Pietro e Turiddo Lotti di Vulci, in piazza Cavalieri di Vittorio Venero 5 ad Ischia di Castro.

Pin It

La mostra è realizzata in collaborazione con Fondazione Vulci e il Comune di Ischia di Castro, è un viaggio nell’immaginario antico, in un mondo in cui figure eroiche e racconti avventurosi sono l’espressione simbolica dei problemi esistenziali che investivano, allora come oggi, i singoli individui e le comunità.

L’esposizione, partendo dalla voce degli autori antichi cerca di trovare sotto le narrazioni il senso dell’esperienza umana raccontata dal mito. A questa traccia sono affiancati i materiali archeologici, tutti provenienti da Vulci e dal suo comprensorio, che trovano nel Museo di Ischia di Castro, scrigno di importanti sculture etrusche, una scelta giustificata dalla ampia circolazione di beni e di idee che accende la passione dell’aristocrazia etrusca per i racconti del mito greco. Con il tempo il mito perde la sua forza di verità esistenziale e decade in elemento di pura decorazione: in questo senso l’evoluzione della figura della Sfinge è particolarmente significativa.

Il percorso espositivo si sviluppa in tre diverse sezioni che si fondono armoniosamente con i materiali archeologici del Museo: la prima è dedicata a creature metà uomini e metà animali, esseri che vivono sul confine tra il mondo umano e il mondo ferino, tra cultura ragionevole e natura selvaggia; la seconda sezione è riservata ai mostri e infine l’ultima sezione racconta dei grandi felini, creature che, pur non essendo fantastiche, erano scomparse dalla fauna locale e potevano essere conosciute solo attraverso le immagini ed i racconti da paesi esotici.

Info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.tel. 0761/425455 www.sabap-rm-met.beniculturali.it