Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

La natura delle forme: al Vetrya Corporate Campus le elaborazioni plastiche di Antonio Barbieri

Mostre
Font

ORVIETO - Venerdì 22 febbraio la Fondazione Luca e Katia Tomassini presenta la mostra "La natura delle forme" di Antonio Barbieri (Rho, 1985) presso il Vetrya Corporate Campus di Orvieto (TR).

Pin It

Il progetto del giovane scultore si ispira al famoso libro Kunstformen der Natur (Le forme artistiche della natura) del 1904 che comprende una raccolta di 100 litografie e stampe autotipiche del biologo tedesco Ernst Hëckel, rappresentanti diversi organismi, sia vegetali, sia animali, molti dei quali descritti per la prima volta.

Muovendosi liberamente tra le immagini colorate e le svariate forme naturali proposte dalle tavole di Hëckel, Barbieri ha elaborato un’ampia serie di lavori plastici, di disegni e oggetti di diverse dimensioni e materiali che saranno disposti nello spazio, a terra o alle pareti senza soluzione di continuità, sollecitando associazioni formali e cromatiche tali da creare un tipo di ambiente simile ad un laboratorio di biologia, in cui lo scambio reciproco tra arte e natura vuole restituire una visione d’insieme caleidoscopica data dal continuo variare di elementi fitomorfici e geometrici, stilizzati e ornamentali.

La mostra - curata da Davide Sarchioni e pensata in site-specific per lo spazio espositivo - evidenzia gli esiti più recenti della ricerca di Barbieri la cui indagine plastica, volta a rintracciare approcci sempre nuovi alle differenti problematiche legate alla forma e al volume, scaturisce ora da una riflessione sulla natura come sorgente di nuove soluzioni formali ed è affrontata, di opera in opera, come interrogazione continua sulla costituzione e l’evoluzione delle diverse forme naturali, che vengono studiate e riformulate in elaborazioni artistiche utilizzando programmi di modellazione tridimensionale.

Recentemente alcune sculture di Antonio Barbieri sono state scelte per lo spot di Patek Philippe "the new Twenty~4 Automatic".

Sarà possibile visitare la mostra dal 22 febbraio al 1° aprile 2019 dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 19.00, sabato e domenica su appuntamento.

Ingresso libero.

Info: 0763 4801 - 3738860955  www.fondazionelkt.org   www.terramediaproject.it/ladi_art_event