Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Astrazione reversibile a Gallese: 900 mq di arte per donare nuova vita ad un simbolo della comunità

Mostre
Font

GALLESE - Con al proprio attivo quattordici interventi site-specific, la Residenza d’Arte Urbana Pubblica, a cura di Carlo Vignapiano ed Elena Nicolini, prosegue nell’intento di collegare le diverse realtà del territorio in un esaustivo percorso d’arte pubblica. Il viaggio artistico è giunto nella Tuscia, portando arte e colore a Gallese.

Pin It

Progetto incentrato sulle più attuali esperienze artistiche in aperto dialogo con un vasto pubblico sensibile ai rapporti tra vivibilità degli spazi collettivi, culture del territorio e poetiche dell’arte urbana. Un cammino iniziato cinque anni fa che porta oggi gli artisti nel comune di Gallese, con lo scopo di donare nuova vita ad una delle strutture simbolo della crescita culturale della comunità.

Monumentale creazione eseguita da uno dei più interessanti esponenti dell’arte astratta contemporanea, Giorgio Bartocci. Porta il nome di “Astrazione reversibile IIª” la pittura murale di circa 900mq che ha visto l’artista risolvere una delle più ardue ed al contempo interessanti sfide promosse dal progetto.

Un intero edificio situato alle porte del centro storico di Gallese pensato come epicentro di un serrato confronto tra le intuizioni dell’autore e la particolare architettura urbana. Equazione estetica di enorme complessità che Bartocci decide di non limitare ad un’accademica ricerca di armoniche soluzioni ma al contrario affronta seguendo una sofisticata e più profonda indagine poetica.

Mira a sconvolgere l’attuale stato delle cose utilizzando insospettati contrasti di bellezza e vuoto in costante dialogo. Intime riflessioni di natura estetica che ottiene grazie ad uno studiato ribaltamento delle forme e delle dinamiche costruttive. Sovverte gli schemi Giorgio, li scuote fino a farli crollare sotto infinite materie liquide che repentinamente si alzano in aria per poi planare in morbidi atterraggi terrestri. Schiaccia e contorce ogni massa seguendo le proiezioni del corpo che tende e rilassa in funzione dei gesti che regolano le esecuzioni di così grande formato.

Una pittura cangiante che crea attimi di riflessione e pensieri sincopati in costante movimento tonale, assicurato dalla scelta di vernici metalliche mescolate alle comuni tinte. Reversibile diventa quindi principale stimolo e contenuto dell’impegno creativo, sottolineando la ciclicità di un eterno moto, perpetua azione dell’arte dove il basso si manifesta alto e dove ogni lato si ruota e ci ruota attorno. 

Bio Artista: Diviso tra urban-art e product-design, è uno street-artist che esplora il complesso rapporto tra l'uomo e il territorio in cui abita, con frequenti spostamenti in Italia e all'estero per interventi ambientali site-specific. Ha realizzato numerosi progetti di visual-design, esposizioni e live-performance così come commissioni per enti privati e istituzioni pubbliche. Attualmente vive e lavora a Milano.

GIORGIO BARTOCCI: http://www.giorgiobartocci.com/  Instagram: https://www.instagram.com/giorgio_bartocci/