Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Tuscia ed Etruria: una guida mette in mostra le eccellenze del territorio

Libri
Font

VITERBO - Tuscia ed Etruria: presentata la guida edita da La Repubblica che elenca ed illustra le eccellenze del territorio: 94 ristoranti, 49 botteghe del gusto, 35 dimore charme, 53 agriturismi e b & b,12 caseifici, 18 produttori di olio e 16 di vino. Tra le pagine le tradizioni più sentite, la storia e la cultura, ovviamente è presente la Macchina di Santa Rosa (anche se viene pubblicata l'immagine di Fiore del Cielo e non di Gloria).

Pin It

E' stata presentata a Palazzo dei priori la guida che sarà in edicola e nelle principali librerie italiane, realizzata in collaborazione con il Comune di Viterbo, Unioncamere Lazio e la Camera di Commercio di Viterbo.

“E' un dovere fare in modo che si fruisca dell’immenso patrimonio di beni culturali che possediamo – spiega l’assessore Delli Iaconi -. Il turismo va visto come strumento di sviluppo economico, ma anche veicolo culturale. E' un onore sapere quante eccellenze del territorio siano illustrate in una guida così prestigiosa”. Al suo fianco Domenico Merlani, presidente della Camera di Commercio di Viterbo, che nota quanto sia diversa dal solito questa guida, con meno messaggi commerciali e tanto spazio alle realtà migliori.

Un particolare sottolineato anche da Giuseppe Cerasa, direttore delle Guide di Repubblica: "Il nostro stile di lavoro è diverso rispetto ad altre guide, lasciamo da parte il lato pubblicitario per dare al lettore maggior informazioni sulla qualità, aggiungendo anche informazioni importanti che diano conoscenza del luogo. Abbiamo anche scommesso su un territorio diverso, estendendo Tuscia ed Etruria, con peculiarità variegate. Un modo per far conoscere questa terra ai turisti e anche ai viterbesi".

All'incontro erano presenti gli studenti del Paolo Savi.

Al termine della conferenza brindisi augurale con le bontà proposte da La Parolina di Trevinano.

T. P.