Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

I Giorni anomali tornano sul palco: "Tanta la voglia di fare musica"

Spettacolo
Font

VITERBO - Tornano i Giorni anomali, non hanno resistito al richiamo del palco, della musica da vivere insieme, degli applausi.

Pin It

Dopo l'annunciato scioglimento, stasera, 4 giugno, nell'ambito di Tuscia in fiore, il palco accoglierà di nuovo la storica (e amatissima) formazione viterbese, alle 21,30, puntualissimi per questioni di orario, in piazza Unità d'Italia, al Sacrario.

Non trattiere la gioia Federico Meli, storico frontman: "Era arrivato il momento di ritrovarci con la vecchia band, dopo un calo fisioòogico, che necessitava uno stop, doveva andare per forza così".

Cosa li ha fatti tornare sul palco? Una vera e propria astinenza da musica: "Lo spirito post covid ha fatto ritornare la passione e sacro fuoco - prosegue Federico -. Erano tanti a chiederci di tornare insieme, e molti organizzatori di spettacoli si stavano facendo avanti. E allora non potevamo che dire si, torniamo".

Una reunion attesa da molti, anche da loro: "Non so che aspettarmi stasera, di certo tanta energia, non dico come i vecchi tempi ma qualcosa di analogo".

Ricordiamo che l'orario di inizio sarà puntualissimo, alle 21.30, perché la fine è improrogabile alle 23. Prima dei Giorni anomali sarà dato spaizo a rap di zona: Nomio, Vittorio Filloramo, Martin Hell, un modo piacevole di mischiare generi e tornare a parlare e soprattutto a sentire musica.

Teresa Pierini