Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

I Bemolli sono blu: sold out e applausi per il pianista Pietro De Maria

Visto per voi
Font

VITERBO - Pubblico delle grandi occasioni e lunghissimi applausi nella Chiesa del Gesù per il concerto del pianista Pietro De Maria, che ha brillantemente eseguito un repertorio interamente dedicato Fryderyk Chopin (1810-1849).

Pin It

In particolare il maestro ha alliletato il pubblico con il seguente programma: la Mazurka op 67 n. 4 in la minore; la Mazurka op. 24 n. 2 in do maggiore; la Mazurka op. 63 in do diesis minore; lo Scherzo op. 54 n. 4 in mi maggiore; il Notturno op. 55 n. 2 in mi bemolle maggiore; Berceuse op. 57 in re bemolle maggiore; la Ballata n. 4 in fa minore op. 52; il Grande Valzer brillante op. 18 n. 1 in mi bem maggiore; il Grande Valzer brillante op. 18 n. 1 in mi bem maggiore; il Grande Valzer op. 42 n. 5 in la bemolle maggiore e lo Scherzo op. 31 n. 2 in si bemolle minore.

L'apertura dei concerti del festival di musica classica “I Bemolli sono blu” dedicata al grande compositore polacco ha suggestionato gli spettatori, che, dopo aver seguito in religioso silenzio la straordinariaesibizione del pianista De Maria, hanno sottolineato con ripetuti applausi il proprio consenso, tanto da richiamarlo più volte alla ribalta.

Pietro De Maria ha confermato la sua abilità e la sua fama: è il primo pianista italiano ad aver eseguito pubblicamente l’integrale delle opere di Chopin in sei concerti.. Veneziano, De Maria è accademico di Santa Cecilia e insegna al Mozarteum di Salisburgo. È nel team di docenti del progetto La Scuola di Maria Tipo organizzato dall’Accademia di Musica di Pinerolo.

La musica del festiva prosegue ancora oggi, sabato 12 ottobre alle ore 19 per “Suoni dello spirito”, appuntamento presso la Chiesa abbaziale San Martino al Cimino, dove è previsto il concerto del coro Musica Reservata diretta dal maestro Roberto Ciafrei che proporrà un interessante programma con musiche polifoniche di compositori viterbesi dimenticati e da lui riscoperti. Ingresso gratuito.

E ancora per “Chopin e il suo mondo”, domenica 13 ottobre alle ore 18 presso la Chiesa del Gesù, concerto del direttore artistico del festival, il pianista Sandro De Palma accompagnato dalla voce recitante Tatiana Farnese, attrice scoperta da Vittoria De Sica (Un garibaldino in convento, 1942) con alle spalle una carriera cinematografica di 70 anni. Di Chopin De Palma eseguirà i 24 movimenti dei Préludes op.28.

La manifestazione musicale “I Bemolli sono blu” 2019 ha il sostegno della Regione Lazio (Progetti Speciali del Ministero dei Beni e le Attività Culturali) e della Fondazione Carivit e si svolge in collaborazione con l’Università degli Studi della Tuscia, le Terme dei Papi e il Touring Club Italia sezione di Viterbo, con il patrocinio del Comune di Viterbo e l’appoggio tecnico di Carramusa Group, Alfonsi Pianoforti, Balletti Park Hotel, Amici di Bagnaia e il Ristorante Il Borgo di Bagnaia.

Per info: www.assciazioneclementi.org