Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

I Maneskin scelgono Acquapedente come set per il nuovo video

Protagonisti
Font

ACQUAPENDENTE – Grande clamore sulla stampa umbra, confinante con l'Alto Lazio, per l'improvviso arrivo in terra aquesiana, mercoledì scorso, dei Maneskin, il gruppo romano vincitore del Festival di Sanremo, consacrato sull'altare del rock, con la conquista di stuoli di fan esteri, dopo il trionfo all'Eurovision song contest. 

Pin It

Nella Piazzetta della Costituente (davantio alla Direzione Didattica) è stata allestita la location del video di un nuovo brano tratto dal progetto “Teatro d’ira-Volume I” inciso lo scorso maggio presso lo Studio Mulino Recording, dei produttori Cesare Chiodo e Francesco Luzzi.

La performance di Damiano David (voce), Victoria De Angelis (basso), Thomas Raggi (chitarra) ed Ethan Torchio (batteria) non è restata inosservata (sotto la foto scattata con Gigi all'Albergo Toscana, fonte FB) e ha portato tantissimi ragazzi in piazza per ammirare la band di “Zitti e buoni”, sempre pronti a nuove sperimentazioni e sonorità dure e forti.

Assistere alla registrazione in presa diretta è stata un'esperienza straordinaria, così riportano in fatti i giornali Orvieto Si e Orvieto news, che scrivono: "Come un prodotto discografico suonato, crudo, contemporaneo, capace di rappresentare lo stile sound della band. Davanti ai Maneskin durante il video il Teatro Boni. Quel teatro, che nel disco diventa metafora in contrasto con l’ira del titolo. Lo scenario in cui questo prende forma. Non una collera contro un bersaglio, ma una energia creativa che si ribella contro opprimenti stereotipi. Un catarsi che genera, grazie all’arte, una rinascita e un cambiamento in senso positivo, Fuori di testa".

T. P.