Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

La squadra di Forza Italia alle politiche: esperienza e spazio a chi ha fatto la gavetta

Viterbo
Font

VITERBO - Presentata la squadra dei candidati di Forza Italia alle politiche: presenti Francesco Battistoni (uninominale Senato), Maurizio Gasparri capogruppo plurinominale al Senato, Renata Polverini, plurinominale alla Camera, i candidati viterbesi Fabio Notazio e Martina Salza, insieme a Lella Golfo, Arturo Diaconale, Moira Rotondo.

Pin It

Padrone di casa, che poi è un bar mancando attualmente una sede di partito, Giovanni Arena, coordinatore comunale che esordisce parlando di organizzazione: "Ci sarà stato qualche mugugno ma questa è la squadra migliore che potevamo schierare - precisa presentando i candidati uno ad uno -: di Renata ho apprezzato le sue doti amministrative, ricordo il contributo Plus avuto quando lei era presidente della Regione, anche se la giunta comunale di centro sinistra ci ha messo 5 anni per completarlo. Rotondo vice sindaco Pontecorvo e Fabio Notazio assessore di Montefiascone che tanto ha fatto in pochissimo tempo. Gasparri, con la sua lunga esperienza, Lella Golfo, Arturo Diaconale persona di grande esperienza nel mondo del giornalismo. Martina Salza assessore di Sutri  e Francesco Battistoni uninominale al Senato, in Forza Italia da quando aveva i pantaloni corti e tanto impegno amministrativo per questa provincia. Ringrazio anche i supplenti e lascio la parola ai candidati ricordando che stiamo inserendo persone nuove, ma serve anche chi ha ben lavorato".

Tra i politici conosciuti nel territorio Maurizio Gasparri, che si dichiara subito lieto che il Collegio parta da Roma e arrivi alle province di Rieti e Viterbo. "Da sempre grande rapporto con questa città, ricordo il vertice europeo durante la festa di Santa Rosa, con tutti i ministri incantati dallo spettacolo e dalla bellezza di Villa Lante.

Oggi in politica bisogna dare esperienza - ha sottolineato - c'è troppa improvvisazione, anche i tecnici non sono stati all'altezza, troppo legati alla teoria. Poi Renzi, Boschi e Lotti hanno dimostrato solo incapacità e infatti hanno dimezzato i loro voti. Giusto estirpare la corruzione ma per fare questo non vanno scelti incapaci. Io faccio politica con passione, altri fanno compassione", questa la battuta finale ad effetto.

Nel collegio uninominale del Senato il candidato unico della coalizione è Francesco Battistoni, già sindaco di Proceno, assessore provinciale, assessore e consigliere regionale: "Negli ultimi 5 anni non si è dato spazio ai territori - esordisce ricordando le scorse candidature - quindi credo sia giusto attingere dal territorio. Tutti i candidati hanno fatto politica ma soprattutto gavetta, mettendosi in discussione. Abbiamo bisogno di persone preparate che siano in grado di dare risposte alla gente. So benissimo di avere, nell'uninominale, due antagonisti principali, ma noi andiamo avanti per la nostra strada, illustrando la nostra proposta, specie pensando all'elettorato deluso".

Renata Polverini, pungente come sempre, affronta argomenti attuali e passati, tornando agli anni di guida della Regione: "A me il paracadute non serviva, ho un collegio uninominale difficile ma porto la mia esperienza, come faccio qui, sperando di essere da traino per i candidati locali che sono dietro. Vanno cercate persone giovani purché abbiano capacità amministrativa, in questi 5 anni ho visto parlamentari non essere in grado di fare azioni amministrative. La Fornero è la peggior riforma delle pensioni, non sono bastate 8 salvaguardie. Pensando al progetto Plus, poi andrò a vedere il frutto del mio lavoro, per guardare cosa è stato fatto con fondi praticamente persi e riconquistati, un progetto diventato una buona pratica per l'Europa. Sull'esperienza in Regione ricordo la legge per il cinema, che ha portato grandi set internazionali a Roma, ora non più perché Zingaretti l'ha definanziata, e il lavoro sulla sanità: siamo noi ad averla portata quasi fuori dal commissariamento, un tempo poi allungato da Zingaretti per farla uscire, forse, proprio ora".

Al suo fianco l'assessore di Montefiascone Fabio Notazio: "Ringrazio per questa candidatura e l'onore di rappresentare questo territorio. Metto a disposizione la conoscenza del mondo del lavoro, ho aziende agricole e di attività formative, a cui aggiungo la determinazione per la mia età. Ho proparato un focus su 7 punti che illustrerò sui social, ne anticipo due: uno sviluppo infrastrutturale della Tuscia con Fondi Europei e uno dedicato ai pendolari".

Amarcord viterbese per Moira Rotondo, vicesindaco di Pontecorvo, in provincia di Frosinone: "Sono rimasta sorpresa da questa candidatura, torno a Viterbo dopo anni, era il 2005, ospite dell'allora sindaco Gabbianelli per ammirare la Macchina di Santa Rosa seppi di aspettare mia figlia, che poi ho chiamato Benedetta Rosa, mettendola direttamente sotto la sua protezione. Un'emozione essere qui, ora abbiamo una grande opportunità per far cambiare rotta all'Italia".

Al senato è in lista Lella Golfo, presidente della Fondazione Bellisario, da sempre in prima fila per le donne: "Orgogliosa di essere candidata a Viterbo che conosco perché ho tante amiche nella Fondazione. Ho spinto per una legge per la presenza femminile nei Cda, dicevano che ci sarebbero voluti decenni, in soli 5 siamo passati dal 5 a 30%... non ci credeva nessuno. Il lavoro non mi spaventa e metto a disposizione la mia esperienza, dobbiamo impegnarci per un aiuto concreto alle donne, penso subito alla pensione alle casalinghe. Avanti donne".

Al suo fianco Arturo Diaconale, giornalista, per la prima volta in politica: "Ho alle spalle una lunga vita professionale, impegnato su molti fronti. Se fossi eletto continuerò a fare quello che ho sempre fatto con esperienza e coerenza".

Infine Martina Salza, assessore a Sutri: "Da 5 anni seguo le tematiche sociali come assessore, dove ho istituito il servizio civico alle donne con tanto successo. Mi sono poi impegnata nel turismo, che studio da sempre, mettendo un capitolo di spesa: per la prima volta la nostra 'antichissima città' ha avuto un aumento del +300% di afflussi".

A lato i tre supplenti, come previsto dalla legge elettorale, tutti amministratori made in Tuscia: Francesco Ciarlanti (Blera), Rita Chiatti (Montefiascone) e Marco Marcucci (Ronciglione).

Assenti Dario Bacocco, coordinatore provinciale, impegnato nella definizione finale della lista alla regionali, non presenti nemmeno i consiglieri comunali Antonella Sberna e Giulio Marini, magari per gli stessi motivi.

Teresa Pierini