Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Ultimatum della Lega ad Arena: "Via la Nunzi entro le 21, altrimenti siamo fuori"

Viterbo
Font

VITERBO - Si complica l'amministrazione a Palazzo dei priori. Se poco tempo fa Arena era stato in grado di calmare la rabbia di Fratelli d'italia con il passaggio dell'assessore Ubertini e dei consiglieri Andrea Micci e Cepparotti alla Lega, sembra che il nuovo trasloco a palazzo (stavolta Nunzi e Scardozzi da Lega a Fratelli d'Italia) non sia così facilmente sanabile.

Pin It

Un giro di valzer tra poltrone che all'annoiato cittadino sembrerebbe una specie di aggiustamento del tetris ma che nelle stanza dei bottoni ha tutt'altro significato. Che la posizione dell'assessore Nunzi fosse traballante col fuoco amico si sapeva, e forse anche questo ha portato al trasferimento politico. Non basta.

Perché la Lega alza la voce e pretende la sua testa su un piazzo d'argento: "Stasera entro le 21,00 La Lega attende una risposta dal sindaco di Viterbo Giovanni Arena sulla richiesta avanzata in questi giorni, altrimenti è pronta a uscire dalla maggioranza immediatamente. In merito, chiariamo che essa è stata sempre e solo una: fuori Claudia Nunzi dalla giunta. La decisione è stata ribadita e confermata oggi in una riunione con tutti i consiglieri comunali e assessori della Lega. Se la nostra richiesta non sarà accettata, verrà meno la fiducia del gruppo consiliare nei confronti di questo esecutivo".

Queste le parole, e sembrerebbero senza alcuna replica, lanciate alla stampa. O via lei o via noi, urlano dalla casa del "Capitano". Sei ore per Arena, in trasferta a Roma alla Camera dei Deputati, per tentare di mediare, anche se il lancio alla stampa ha tutto il sapore del guanto di sfida, dove la mediazione difficilmente potrà intervenire.

Claudia Nunzi ha deleghe pesanti, specie per questo territorio: Termalismo, Polizia Locale, Protezione Civile, Politiche sulla sicurezza e sull’immigrazione, Agricoltura, Servizi Informatici. Sappiamo delle polemiche, mai sopite, con la polizia locale, e in molti puntano il dito per la stagnazione nella gestione del termalismo. Inoltre la conferenza pro centro storico (e vecchiette annesse) di ieri del grupppo di Fratelli d'italia non ha certo disteso gli animi.

Non sarà facile per Arena salvare capra e cavoli. Non sarà facile per Viterbo affrontare l'ennessima campagna elettorale, una città che deve ancora assorbire i veleni dello scorso anno e rischia di presentarli di nuovi.

Ore 21: aspettiamo la scadenza dell'ultimatum, sempre se il sindaco Arena non riuscirà a cambiare le carte in tavola. Da cittadini ci pemettiamo di aggiungere che questa meravigliosa città merita amministratori capaci ed eventualmente il ritiro di deleghe motivato a quelli che non si dimostrano all'altezza, I giochini di partito danneggiano e basta.

Teresa Pierini