Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Cristo appare a Sant'Elisabetta del Portogallo: il quadro restaurato torna nella Chiesa del Rosario

Viterbo
Font

VITERBO - Accoglere un pezzo di storia nella sua "casa" è sempre un bel momento, e l'associazione Amici di Bagnaia è sempre in prima fila per presentare successi nella frazione.

Pin It

Ora con orgoglio mostra il ritorno di un quadro e i soci lo raccontano così: "In un tempo in cui il mondo pare essersi fermato, Bagnaia accoglie un altro pezzo di storia che l’incuria degli anni aveva ben deteriorato.

È tornato a risplendere nella sua bellezza un quadro raffigurante 'Cristo appare a Sant'Elisabetta del Portogallo' di notevoli dimensioni, 265x160, nella sede naturale della Chiesa del Rosario a Bagnaia.

Il dipinto attribuito a Vincenzo Stringelli, pittore della metà del ‘700, è stato riportato all’antico splendore grazie alle cure e all’impegno del Laboratorio di Restauro de La Quercia.

Nella Chiesa del Rosario si trova anche un altro quadro, sempre dello Stringelli, “Madonna con Bambino appare a San Filippo Neri”, anch’esso restaurato nel 2017 dal valido Laboratorio viterbese.

Grazie alla presenza di queste due opere, la chiesa può definirsi un piccolo museo da visitare insieme agli altri luoghi all’interno della cinta muraria di Bagnaia.
Il restauro pittorico ha anche sollevato delle ipotesi che saranno al vaglio degli studiosi nel prossimo futuro sia sulla rappresentazione che sulla datazione del dipinto.

L’ Associazione Amici di Bagnaia-arte e storia è particolarmente orgogliosa di questo nuovo recupero della propria storia avvenuto anche grazie alla collaborazione del Centro Storico di Bagnaia e all’aiuto economico de 'La Nuova Agenzia Funebre' di Viterbo".