Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Comune e Asl insieme per uno screening di tamponi sugli studenti delle scuole medie

Viterbo
Font

VITERBO - Dal prossimo martedì verranno effettuati i tamponi molecolari agli alunni delle scuole secondarie di primo grado del territorio comunale.

Pin It

"Un'iniziativa a cui tengo molto - sottolinea il sindaco Arena nella nota- che ci consentirà un controllo ad ampio raggio degli studenti e che sarà utile al contenimento del virus nelle scuole. Un'attività possibile grazie alla Asl e alle scuole che hanno subito condiviso la mia richiesta. È infatti con la collaborazione della Asl, in particolar modo del direttore generale Donetti, del dottor Carai e del suo staff medico, e alla disponibilità dei dirigenti scolastici che si potrà realizzare questo importante screening.

Sarà lo stesso personale sanitario che dalle ore 9 alle ore 13 del martedì, giovedì e venerdì si recherà negli istituti scolastici di istruzione secondaria di primo grado per effettuare i tamponi ai ragazzi autorizzati. Le scuole stanno già provvedendo ad acquisire le necessarie autorizzazioni firmate da entrambi i genitori per poter effettuare tale tipo di controllo sugli alunni.

Un controllo di questo genere - conclude il primo cittadino viterbese - che vorrei estendere anche ai più piccoli della materna e della primaria, sono certo andrà a garantire una maggiore tranquillità alle famiglie degli studenti, permetterà di lavorare nella massima sicurezza all'interno delle scuole e ancor più ci offrirà una fotografia chiara, certa e reale di quella che è la situazione tra gli studenti in termini di contagi".