Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Sutri: l'opposizione non partecipa al consiglio comunale. "Preferiamo il confronto, la condivisione e la partecipazione"

Provincia
Font

SUTRI - Il gruppo misto del Comune di Sutri annuncia di boicottare il consiglio comunal in programma oggi: "Noi non ci stiamo! Siamo giunti ad un punto di non ritorno".

Pin It

Sei giorni fa abbiamo inviato una richiesta ufficiale al Prefetto con la quale chiedevamo -anche- lo spostamento del Consiglio Comunale odierno poiché né l’Illustrissimo Sindaco, né il Segretario Comunale, né il Responsabile dell’Ufficio Tecnico ci avevano messo nelle condizioni di visionare alcuni immobili di proprietà comunale in modo da poter votare con cognizione il Piano delle Alienazioni e Valorizzazioni Immobiliari e per proporre gli emendamenti anche in relazione al Bilancio di Previsione del prossimo triennio.

Siamo certi che verranno approvati dalla maggioranza i due punti all’ordine del giorno relativi ai regolamenti per l’istituzione ed il funzionamento delle Commissioni e Consulte Comunali…e pensare che fino a qualche mese fa, la minoranza chiedeva a gran voce la partecipazione e la condivisione, mentre oggi, dai banchi della maggioranza vuole presentare un 'pacchetto confezionato' ed infiocchettato anche dal Sindaco.

Ci sottoponete d’imperio quei regolamenti scritti dalla vostra 'mano sinistra', senza nessuna condivisione e senza l’opportuno parere della commissione? Quella stessa 'mano sinistra' che ha sventolato fiera l’accordo elettorale, mai reso pubblico, sancito con il ribaltone politico? La stessa 'mano sinistra' che Sgarbi ha stretto fin da subito abbandonando -di fatto- il suo progetto di Rinascimento per Sutri?

Noi non ci Stiamo!
Il Sindaco ha voluto e ha scelto di contornarsi di tante 'mani sinistre', sei per l’esattezza, a cui va aggiunta la 'mano destra' della rappresentante sutrina di Fratelli d’Italia…perché a Sutri accade anche questo!
Staremo fuori a respirare con dignità poiché abbiamo chiari i concetti di democrazia e di trasparenza amministrativa.
Non possiamo più tollerare il silenzio davanti alle nostre richieste.

Chiediamo a tutti gli organi competenti di essere rispettati come persone prima e come istituzioni poi. Vogliamo chiarezza in merito alle parole del Sindaco dette durante il Consiglio Comunale dell’11 novembre u.s.

Chiediamo trasparenza in merito alla Chiesa di San Francesco, deturpata dopo l’evento Caffeina Christmas Village, vogliamo che sia fatta luce sulle responsabilità; abbiamo necessità di sapere chi ha pagato l’energia elettrica (presepe allestito) e se il nostro personale di polizia locale ha percepito i compensi relativi alla vigilanza.

Vogliamo che siano limpide le risposte alle nostre domande sulla potabilità delle acque, sui valori dell’arsenico e dei fluoruri.

L’Amministrazione Comunale deve rispondere a tutte le nostre richieste.
Sono stati tre gli esposti in merito all’amianto abbandonato lo scorso gennaio. Sappiamo che la Asl ha inviato anche una nota. Trasparenza!

Pretendiamo che l’Amministrazione Comunale informi chiaramente i cittadini su quanti buoni spesa sono stati erogati durante l’emergenza covid-19, chi ha provveduto a distribuirli alle persone in difficoltà e soprattutto a quanto ammonta la spesa economica.
Non abbiamo ricevuto nessuna risposta in merito alle proposte da noi presentate per contrastare la crisi economica generata dal coronavirus che ha travolto i cittadini e i commercianti di Sutri.
Durante l’emergenza coronavirus non è servito a nulla ufficializzare e dichiarare la nostra disponibilità a condividere azioni e proposte a sostegno della cittadinanza. Eravamo pronti a confrontarci e a lavorare in sinergia con tutti e per tutti.
Silenzio assoluto da parte del sindaco e della sua maggioranza.

Che fine ha fatto la convenzione revocata dal Mibact -Soprintendenza- al Comune di Sutri per gravi inadempienze, relativa alla gestione dell’Anfiteatro e del Museo? Perché l’Anfiteatro è aperto solo il sabato e la domenica o nei giorni festivi? Chi eroga i biglietti? Chiarezza!

Vogliamo conoscere la situazione reale dei plessi scolastici: alcuni consiglieri di minoranza che prima si lamentavano in consiglio comunale persino per uno scivolo che non scivolava, oggi, in maggioranza sono silenti anche davanti alle mancanze dell’amministrazione comunale.

Non è più tollerabile vedere piazza Bamberg trasformata in 'discarica a cielo aperto' per la raccolta mensile degli ingombranti, Raee e potature: che fine ha fatto l’ecocentro comunale?

Infine chiediamo al Ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, di esprimersi in merito all’istanza di decadenza e rimozione dalla carica di sindaco di Sutri nei confronti di Vittorio Sgarbi, sottoscritta da tutti e cinque i Consiglieri Comunali del Gruppo Misto circa tre mesi fa.

Se il Sindaco vuole essere il capo politico di questa coalizione che non si è mai voluta confrontare su tematiche importanti, nemmeno durante l’emergenza covid-19, che non condivide regolamenti, che non mette nelle condizioni di svolgere il ruolo e l’incarico di consigliere comunale, soprattutto quello relativo alla vigilanza e al controllo…noi diciamo 'no grazie'…preferiamo il confronto, la condivisione e la partecipazione".

I Consiglieri Comunali del Gruppo Misto di Sutri