Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Trenta sacchi di immondizia (e 700 bottiglie di plastica) raccolti a Spinicci – Pian di Spille

Provincia
Font

TARQUINIA - Domenica 30 gennaio si è svolta la pulizia della spiaggia in località "Spinicci – Pian di Spille", nell'ambito della manifestazione "Il Mare d'Inverno" giunta alla trentunesima edizione.

Pin It

L'evento ha ricevuto il Patrocinio della Commissione UE – Rappresentanza per l'Italia, del Ministero della Transizione Ecologica e della Regione Lazio. Determinante la collaborazione dell'agriturismo "Podere Giulio", gestito dalla famiglia Serafini, che ha messo a disposizione alcuni automezzi e facilitato l'accesso alla spiaggia.

I volontari di Fare Verde hanno raccolto 30 sacchi grandi d'immondizia, tra questa spiccavano 700 bottiglie di plastica, 35 contenitori di vetro e 25 in metallo, oltre a vari oggetti trasportati dalle onde o abbandonati sull'arenile dai bagnanti: una brandina, due paia di scarpe, quattro palloni da calcio, un frigo portatile e una boa.

"La regina della spiaggia tarquiniese è la plastica – commenta Silvano Olmi, presidente regionale di Fare Verde Lazio – ne abbiamo trovata tantissima, spesso deteriorata dagli agenti atmosferici, ridotta in piccoli pezzetti sparsi sulla sabbia. Rinvenute anche molte cassette di polistirolo usate dai pescatori".

"Prosegue il fenomeno dell'erosione costiera – dichiara Manuel Catini di Fare Verde Tarquinia - che colpisce la nostra costa sia nella zona delle Saline e sia nel tratto del litorale a nord del fiume Marta. Occorrono interventi urgenti e coordinati".