Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Miur e Unicef in festa all'Istituto Egidi: "Verso una Scuola Amica"

In Citta'
Font

VITERBO - Martedì 4 e giovedì 6 dicembre, a partire dalle ore 15, presso l'Istituto Comprensivo "Pietro Egidi" (Piazza Gustavo VI Adolfo, quartiere Ellera) è in programma la consegna degli attestati di "Scuola Amica" per l'anno scolastico 2017-18 a cura del Comitato Provinciale Unicef di Viterbo. Per l'occasione sono state invitate le scuole di Viterbo e provincia.

Pin It

Ancora una volta le Scuole Amiche del progetto Miur-Unicef "Verso una Scuola Amica" si incontrano per giocare, suonare, comunicare le buone pratiche messe in atto nell’anno scolastico 2017-18. Tali scuole sono state dichiarate "Amiche" dopo aver percorso, tra passi ed indicatori, lo straordinario territorio della Convenzione dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza.

I due pomeriggi all'aula magna dell'Istituto "Egidi" vedranno la partecipazione di sindache bambine, band musicali, video, percorsi di legalità, flash mob antibullismo, straordinarie esperienze di tutorialità, racconti di percorso e molto altro ancora, con genitori, associazioni, docenti, dirigenti scolastici, amministratori comunali. Protagonisti saranno però bambini e ragazzi. A conclusione la consegna degli attestati.

Le scuole, e non solo, potranno anche ritirare copie del Calendario Unicef 2019 "Per un ambiente sano e sostenibile" per realizzare il quale i bambini di alcune scuole hanno messo in campo ricerche e tanta fantasia contro la distruzione del proprio futuro e del mondo che ci ospita tutti. I fondi saranno devoluti per aiutare i bambini della Siria, ancora, purtroppo, tra le macerie e sotto le bombe.