Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

"Caramelle" non sarà all'Ariston ma lascerà il segno: il nuovo brano di Carone & Dear Jack

In Citta'
Font

VITERBO - Sanremo giovani è stata l'occasione per "spoilerare" i big che parteciperanno al prossimo Festival della canzone italiana, il secondo targato Claudio Baglioni. E ovviamente sono iniziate le polemiche per gli esclusi, alcune decisamente a ragione. A non poter tornare sul palco dell'Ariston purtroppo anche i Dear Jack, che sono rimasti davvero male, non tanto per la mancata partecipazione ma soprattutto per la qualità del brano, un vero pugno allo stomaco per la tematica, proposta con una fantastica sonorità, che immediatamente è stato proposto negli Istore.

Pin It

Un peccato, e si legge da più parti, non solo da chi da sempre è vicina alla band viterbese. Il brano Caramelle era stato proposto insieme a Pierdavide Carone, autore del testo, anche lui ex Amici, e avrebbe decisamente spaccato sul palco.

A dirlo, tra i tanti, anche il sito Dagospia, da sempre poco amico dei ragazzi e di gran parte degli usciti dal talent Amici. Questo riporta il sito di Dagospia subito dopo l'esclusione: "E dire che se si fosse voluti essere meno ingordi, si poteva lo stesso fare un cast interessante, puntando magari sulle canzoni invece che sulle casate. Faccio un esempio che nessuno potrà indicare come a me caro, visto che sui Dear Jack e su Amici e anche su Rtl 102,5, quando ha spinto impunemente i Dear Jack, ho sempre detto ogni male. Ma la canzone che i Dear Jack hanno presentato con Pier Davide Carone, anche lui ex Amici, incappato però nella sfortunata morte di Lucio Dalla proprio dopo il suo primo passaggio sanremese, morte che lo ha in qualche modo imballato e fatto scomparire, la canzone che i Dear Jack e Pier Davide Carone hanno presentato è davvero bella. Una canzone che ci racconta con un tono infantile, innocente, di mostri cattivi che ai bambini e alle ragazzine attentano, all'apparenza uomini normali e nella realtà carnefici. Un brano attuale, tristemente attuale, emotivamente credibile, ben costruito e ben cantato. E ovviamente fuori dai giochi perché evidentemente Artist First, che li ha presentati, non ha gli stessi santi in paradiso di Radio Mediaset, di Amici, e soprattutto non è parte di Friends and Partners".

Parole condivisibili una dopo l'altra, perché se è vero che Dagospia non ha mai amato i prodotti televisivi, è altrettanto vero che si è preso la briga di ascoltare il brano, apprezzandone testo e sonorità.

E come fare altrimenti? La musica suonata da Alessandro, Francesco e Riccardo è sempre di grande livello, l'unione vocale tra Pierdavide e Lorenzo è davvero speciale, così diversi e così fortemente uniti, da formare una sintesi potentissima nei cori, mentre nelle strofe la distinzione netta crea una tale particolarità delle voci che poteva davvero essere la novità al prossimo Festival.

Avere il coraggio di proporre un brano sulla violenza, su come possa essere facile incappare in un mostro per una ragazzina, raccontarlo con parole dirette ma mai volgari, che arrivano dritte allo stomaco. Un vero inno per gli adolescenti, una vera occasione persa per un Festival che sembra diviso a metà tra Indie in cerca di visibilità (che poi è una contraddizione in termini) e vecchie glorie da rispolverare. Ci dispiace davvero.

Condividiamo le parole di Pier Davide Carone, subito dopo postare sui social: "Siamo tutti vittime di abusi, in famiglia, a scuola, sul posto di lavoro, sui social, nella società, e lo siamo in diverse forme, così molte e multiformi da non esserne, a volte, nemmeno coscienti. In Caramelle racconto di abusi sessuali, e se forse una ragazza di quindici anni può essere già in grado di capire a quale abuso è stata sottoposta dal suo stupratore, forse un ragazzino di dieci anni non ha nemmeno ben chiaro cosa gli sia successo. Entrambi, tuttavia, sono ben consci che qualcosa sia successo, e che dopo non sarà mai più lo stesso. Anche se e quando torneranno a respirare…"

Fare musica è sempre più difficile, specie se si cerca di farla al di fuori dai circuiti standardizzati, perché ormai le major pescano ovunque. E' giusto aiutare che ci prova e stavolta Pierdavide Carone e i Dear Jack ci provano da soli, basta andare sui profili social dei Dear Jack e di Carone per ascoltare, e magari comprare, la versione digitale del brano Caramelle.

Teresa Pierini