Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

De Carolis al lavoro per accogliere a Viterbo l'importante bacino di crocieristi

In Citta'
Font

CIVITAVECCHIA - Si è svolta questa mattina, all’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale a Civitavecchia, la riunione del tavolo sulle buone pratiche, per lo sviluppo del turismo commerciale cittadino legato al traffico crocieristico.

Pin It

“Per la prima volta Viterbo c’è, per far conoscere la città e l’offerta turistica che possiamo mettere in campo, a fronte di un mercato in costante espansione da anni e straordinario asset su cui far crescere la nostra città e tutta la Tuscia - ha sottolineato l’assessore al turismo Marco De Carolis intervenuto all’incontro -. I numeri parlano chiaro: da qui al 2025 saranno costruite oltre 100 nuove navi da crociera, così come nell’ultimo quinquennio che ha registrato una crisi profonda per moltissimi settori, quello della crocieristica ha visto tutti gli indicatori indirizzarsi sul segno positivo.

L’incontro di questa mattina - ha aggiunto l’assessore De Carolis - ci conferma la bontà della scelta di puntare la nostra attenzione sugli arrivi al porto di Civitavecchia per offrire una esperienza di visita a un territorio, quello della Tuscia e della città di Viterbo, che ha dalla sua uno straordinario patrimonio di beni culturali, ambientali e storici. Come amministrazione e come assessorato, siamo a disposizione per concertare con gli operatori del settore, con i tour operator che operano presso il porto e sulle navi e con le amministrazioni locali interessate, tutte le misure utili a favorire lo sviluppo di questa opportunità”.