Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

“Per i medici di domani”: il Policlinico Gemelli ricorda il Prof. Gian Carlo Castiglioni intitolandogli un'aula

In Citta'
Font

ROMA - Mercoledì 15 gennaio il Policlinico Gemelli dedicherà un’aula al Prof. Gian Carlo Castiglioni, che tanto fece per questo Istituto.

Pin It

"A 26 anni dalla sua scomparsa - precisa la figlia, la collega giornalista Elisabetta - verrà ricordata la sua figura di estrema umanità e grande professionalità mossa da uno spirito unico di comunicazione con il paziente, severa deontologia e passione nella tecnica e capillare studio relativo alle nuove scoperte della medicina. Tra le tappe della sua significativa carriera, il contributo alla costruzione dei reparti chirurgici e alle sale operatorie del Gemelli; il primo trapianto di rene; l’attivazione del reparto di cardiochirurgia e dei centri di terapia intensiva nella clinica chirurgica; l’organizzazione, quale Rettore, della nuova facoltà di medicina dell’Università degli Studi di Ancona; il delicato intervento in seguito all’attentato di Giovanni Paolo II; il primo trattato sul pancreas".

Il suo insegnamento etico, sintetizzato in una nota prolusione, “Per i medici di domani” (1966), tuttora attuale nella formazione dei giovani studenti (ma applicabile unilateralmente a qualsiasi campo per la conservazione dell’integrità dei valori nelle relazioni sociali), metteva in guardia i futuri medici dalla disumanizzazione della medicina.

Nel corso della sua carriera, grazie alle conoscenze universitarie acquisite durante i suoi soggiorni e le sue attività internazionali (nella foto con il chirurgo Barnard), ebbe modo di far specializzare numerosi suoi allievi tramite borse di studio all’interno di alcune dei più prestigiosi Istituti Universitari degli Stati Uniti.

Alla sua morte, avvenuta il giorno del suo 73esimo compleanno (4 febbraio 1994), lasciò un Istituto con più di 200 letti suddivisi nelle nuove cattedre di Cardiochirurgia di Trapianti d’organo e nelle divisioni di Urologia (dove aveva diretto la scuola di specializzazione), di chirurgia d’urgenza e di chirurgia plastica alla guida dei quali sono oggi i suoi allievi.

L’appuntamento è il giorno 15 gennaio 2020 alle ore 13.00 presso l’Istituto di Clinica Chirurgica del Policlinico A. Gemelli, 9° piano ala B.