Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Gianluca Bacchetta, sindaco di Divignano, in bici a Viterbo: "Ho scoperto un'Italia meravigliosa"

In Citta'
Font

VITERBO - E' arrivato affaticato, dopo la lunga "salita" dal mare fino al capoluogo: Gianluca Bacchetta, sindaco di Divignano, che ha scelto la Tuscia per le ultime tappe prima di arrivare a Roma, dove, in piazza Montecitorio, attenderà il premier Conte per restituire il bonus di 600 euro.

Pin It

Stamattina era a Tarquinia, accolto dal sindaco Giulivi e dal vice Serafini, poi cappelllo in testa, tenuta sportiva e fascia tricolore indossata è partito verso Viterbo, dove è arrivato prima delle 17, atteso dal vice sindaco Contardo e dall'assessore Mancini. Poco dopo sono arrivati il presidente del consiglio comunale Evangelista e il senatore Fusco, che lo aspetterà nella capitale.

"Non voglio fare un'azione di protesta contro le istituzini - ha confidato in piazza - voglio solo mettere in evidenza le difficoltà dell'imprenditoria, che in questo momento stanno davvero soffrendo".

Bacchetta è titolare di una birreria e contemporaneamente è sindaco di Divignano, borgo di 1400 abitanti in provincia di Novara.Tanti i racconti che lo hanno accompagnato lungo la sua curiosa maratona: "Sono partito a piedi, incontrando subito una persona che mi ha regalato una bicicletta, per facilitare il viaggio. Poco più avanti mi è stata prestata questa bici elettrica - confida - a conferma del rapporto di fiducia instaurato subito con tutti. In ogni sosta ho avuto la possibilità di conoscere sindaci e amministratori, e spero che anche Virginia Raggi accetterà la mia richiesta di incontro. Ho sostato ovunque e sono stato sempre ospitato, un letto e un piatto da mangiare non sono mai mancati, con l'affetto di tutti quelli che mi hanno incrociato. Da qualche tempo stavo pensando di lasciare l'Italia, verso la Germania, ma questa vicinanza di tutti mi ha fatto capire che dobbiamo restare qui e impegnarci, uniti, per una Nazione migliore".

Il sole di queste giornate si nota, specie in un'abbronzatura da "lavoratore", che segna le braccia e le gambe, lasciando bianche le parti del corpo coperte. A riprova toglie le infradito e mostra il curioso segno che si porterà a casa, tornando dopo questa maratona tutta italiana, diventata messaggio di speranza grazie alla grande esposizione televisiva. Stasera sarà in diretta su Rete 4, nel programma Quarto Grado.

In piazza ha anche firmato un'opera su roccia dell'artista Cinzia Chiulli.

Domani lascerà Viterbo alla volta di Vetralla e Sutri, dove è annunciata la presenza del sindaco Sgarbi, e poi nuova sosta a Campagnano. L'arrivo a Roma è previsto domenica.

Promette di tornare quando l'emergenza sarà finita, con una buona fornitura di birra bavarese, la sua preferita, per salutare tutti gli amici conosciuti in questo lungo viaggio, Ma stavolta, precisa, arriverà in macchina!

Teresa Pierini