Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Arena convoca i sindaci della Tuscia con scuole di secondo grado per decidere sulla Didattica a distanza

In Citta'
Font

VITERBO - Il sindaco Arena interviene ufficialmente sulla questione scuole superiori e didattica a distanza: domattina la decisione con tutti i sindaci convolti. "Ho convocato per domattina alle 11 il Comitato di rappresentanza dei sindaci per la sanità per trattare e valutare la questione Didattica a distanza per le scuole superiori". Queste le prime parole di Arena nella nota.

Pin It

"Alla riunione ho invitato a partecipare online anche i sindaci dei paesi della provincia che ospitano nei propri comuni istituti superiori, ovvero Acquapendente, Bagnoregio, Bassano Romano, Caprarola, Civita Castellana, Montalto, Montefiascone, Nepi, Orte, Ronciglione, Tarquinia, Tuscania, Vetralla, Vignanello.

Il sistema scuola sta funzionando. E per questo voglio complimentarmi con il dirigente provinciale scolastico Peroni, con tutti i dirigenti scolastici, insegnanti e collaboratori per come stanno rigidamente applicando i protocolli all'interno delle scuole. Molti contagi vengono evitati proprio grazie al rispetto di tali misure di sicurezza. I miei complimenti vanno anche agli stessi alunni che responsabilmente, all'interno delle scuole, rispettano le regole.

Il problema è fuori. Quello che preoccupa principalmente è lo spostamento di migliaia di studenti sui mezzi pubblici, necessari per raggiungere i propri istituti scolastici. Situazione in cui non è sempre possibile rispettare il distanziamento tra i ragazzi, loro malgrado. Preoccupano anche le fasi di ingresso e di uscita dalle scuole degli stessi studenti, momenti particolarmente rischiosi per quanto concerne la trasmissione del virus, legati ad atteggiamenti umanamente naturali, ma non giustificabili, e in questo periodo purtroppo pericolosi e causa di contagio.

La riunione sarà utile per confrontarci sull'incremento dei contagi degli ultimi giorni e giungere a una decisione condivisa in merito a un'eventuale ripresa della didattica a distanza per le scuole superiori".