Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Niente ferma la bontà: torna la Fabbrica del Cioccolato della pasticceria Casantini

In Citta'
Font

VITERBO - Il Natale ai tempi del Covid-19 impedisce purtroppo l’organizzazione di manifestazioni ed eventi nelle vie e nelle piazze della città, come invece è accaduto negli anni precedenti. Ma c’è una cosa a cui ormai i viterbesi non possono più rinunciare sotto le feste: la Fabbrica del Cioccolato della pasticceria Casantini.

Pin It

Pilastro delle attrazioni natalizie dei villaggi di Viterbo e Sutri negli anni scorsi, quest’anno la Fabbrica del Cioccolato ha deciso di non dare una delusione ai suoi tanti estimatori e ha aperto le sue porte nonostante il coronavirus, grazie agli investimenti della famiglia Casantini. Ed ecco che nel punto vendita di via Monte Bianco a Viterbo sono tornate tutte le prelibatezze al cioccolato proposte dalla Fabbrica, in un clima di festa veramente originale che addolcisce l’amarezza del periodo che stiamo vivendo.

FabbricacioccolatoCasantini20 2

 

 

“La Fabbrica del cioccolato della pasticceria Casantini è l’unica iniziativa della città che promuove prodotti artigianali legati alla tradizione del Natale – commenta il segretario di Confartigianato Imprese, Andrea De Simone -. Bravi Katia e Virginio Casantini, che in un momento difficile, dopo che la loro attività è stata chiusa in primavera per le disposizioni anti Covid-19, hanno scelto comunque di investire per offrire un servizio in più ai cittadini sotto le feste. Siamo certi che i viterbesi ricambieranno la loro scelta visitando, distanziati ma numerosi, la Fabbrica del Cioccolato”.