Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Fondazione Carivit: visite gratuite al cantiere di restauro delle lunette dipinte del Chiostro della Basilica di Santa Maria della Quercia

In Citta'
Font

VITERBO - La Fondazione Carivit prosegue il suo impegno nell’ambito delle iniziative volte alla conservazione e fruizione di importanti opere d’arte legate alla storia della città di Viterbo, sostenendo stavolta l’intervento di restauro delle 26 lunette dipinte del Chiostro della Basilica di Santa Maria della Quercia, che raffigurano i miracoli della Madonna della Quercia e il Patto d’Amore tra la città di Viterbo e la sua custode.

Pin It

Nell’ambito del progetto, in accordo con la Parrocchia di Santa Maria della Quercia, viene offerta al pubblico la possibilità di visitare gratuitamente il cantiere di restauro affidato al dottor Rossano Pizzinelli.

Per le visite è necessario prenotare via mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure telefonare al numero 0761.344222 indicando nome, cognome e numero di telefono di ogni partecipante.

Il primo appuntamento è per giovedì 13 maggio alle ore 10.30 con punto di ritrovo all’ingresso del Chiostro della Basilica di Santa Maria della Quercia, in via del Santuario 59 - Viterbo, circa 15 minuti prima dell’inizio della visita.

Nel rispetto delle norme in materia di contenimento del contagio da coronavirus: è consentito l’accesso ad un massimo di 10 persone alla volta, è obbligatorio indossare la mascherina, è a disposizione dei visitatori il gel igienizzante per le mani, è necessario rispettare il distanziamento sociale di un metro.

Anselmo Cianchi