Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Le Botteghe antiche di Viterbo: quattro storiche attività si raccontano allo Spazio Pensilina

In Citta'
Font

VITERBO - Le botteghe storiche: un patrimonio per la città, preziose testimoni di cultura, tradizione e radicamento sul territorio. Saranno loro le protagoniste della conferenza: “Le Botteghe antiche di Viterbo si raccontano, Prima tappa della creazione di un itinerario turistico nel centro storico” organizzata dall'Ufficio turistico, lunedì 27 novembre alle ore 10.30 allo Spazio pensilina in piazza Martiri d'Ungheria.

Pin It

A raccontare la loro esperienza, Gaetano Labellarte, commerciante e proprietario dell’omonimo esercizio, nonché presidente dell’Associazione “Facciamo Centro”, Luciano Manara de la Bottega Tiburli, presente fin dal 1910, la prestigiosa Merceria Grossi, l'Ottica Sorrini, fondata nel 1870 dal capostipite Attilio e infine il laboratorio Antica Legatoria Viali.

Nomi cari e conosciuti da tutti i viterbesi, che si alterneranno negli interventi, portando testimonianza diretta di un modo di fare commercio da tutelare e valorizzare.

"Viterbo è ricca di questi storici esercizi dal fascino antico, dove convergono le tradizioni del commercio e la ricerca del prodotto di qualità. Le botteghe storiche sono custodi della nostra memoria, preziose testimoni del vissuto quotidiano dei cittadini - precisano dall'Ufficio Turistico - luoghi dove fare acquisti conserva ancora una sua dimensione umana, un contatto diretto che altrimenti si andrebbe perdendo. Entrare in ognuno di questi negozi ancora oggi vuol dire vivere un'esperienza unica, in cui viene trasmessa la passione e la sapienza nel confezionare e proporre i propri prodotti al pubblico.

Sono nomi che a Viterbo rappresentano punti di riferimento importanti per la memoria collettiva cittadina, da far conoscere anche alle generazioni presenti e future. Venite a trovarci per ascoltare i loro racconti - concludono - soddisfare curiosità aneddotiche e parlare dell’idea del lancio di un itinerario turistico incentrato su questo originale tema".