Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

"Il tesoro della Principessa" in concorso ai David Di Donatello 2019

In Provincia
Font

MONTALTO DI CASTRO - Una storia avvincente, che attinge nel passato dell'Etruria, due protagonisti bellissimi, Alice Sabatini, Miss Italia 2015, e Fabio Fulco, un regista vulcanico, Sebastiano Rizzo. Questi gli ingredienti de "Il tesoro della principessa", il corto girato a Vulci, un concorsoo ai David Di Donatello 2019.

Pin It

Lo abbiamo seguito dal set (leggi qui l'articolo dedicato e qui la video intervista) e abbiamo compreso subito quanto fosse scritto bene e quanto venisse messo in evidenza il mistero ma soprattutto la grande storia degli Etruschi. Il prodotto, da cui in caso di successo potrebbe nascere un film vero e proprio, ha avuto un grande successo in tanti festival di cortometraggi, arrivando al gotha del cinema italiana, il David di Donatello, dove è in lista per la sua categoria.

La storia: "Una bambina che si è apparentemente perduta all'interno di una tomba etrusca viene soccorsa da un anziano signore. L'uomo nell'aiutarla a ritrovare i suoi genitori trova il tempo per raccontarle una storia. Una storia che ha il sapore di una fiaba o forse no.... Un luogo incantato, una principessa che spunta da un piccolo lago... l'incontro tra la principessa e un giovane uomo... un incontro destinato a cambiare la vita a quell'uomo. La principessa saprà spiegargli la storia e l'importanza di quei luoghi magici e a fargli capire che si tratta di posti da preservare in tutto e per tutto..."

L'annuncio del regista, che ringrazia tutti quelli che hanno partecipato, mentre chiede di tenere le dita incrociate. Lo faremo anche noi.

Teresa Pierini