Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Bagnoregio lunedì su La7 mentre parte il "viaggio" di Civita Incontra

In Provincia
Font

BAGNOREGIO - Il territorio più attivo della Tuscia, e non solo, è pronto per tornare in Tv, su La7 nel programma Eden di Licia Colò. Ma le attività non si fermano, e appena messa in funziona Casa Civita, sindaco Profili e amministrazione guardano avanti e lanciano Civita Incontra, un ampio contenitore culturale che raccoglierà le attività del borgo, in previsione della Candidatura Unesco.

Pin It

La Tv intanto, in grado di amplificare la magia che i visitatori hanno la fortuna di vedere personalmente: lunedì 17 febbraio, dalle 21.15, andrà in onda su La7 il programma girato da Licia Colò lo scorso dicembre. Tra i servizi e le bellezze del posto anche un'intervista al sindaco che racconterà territorio e possibilità di quello che è ormai conosciuto come il modello Civita.

Nessuna sosta però, il lavoro di promozione continua, e dopo la Bit di Milano, prosegue l'impegno per la candidatura Unesco. Per questo è stato lanciato il nuovo contenitore culturale che raccoglierà quanto di buono si svolge sul terrotorio: Civita Incontra. Non un festival ma un marchio, da apporre ad ogni iniziativa, pensando al Patrimonio materiale dell'umanità ma anche alle celebrazioni 2021 che saranno dedicate a Dante Alighieri. Bagnoregio, in nome del suo San Bonaventura citato nella Divina Commedia, ha già ottenuto il supporto del Mibact, uno dei pochi Comuni a porter vantare un progetto vincitore.

Civita Incontra catalizzerà eventi e manifestazioni, aggiungendo appuntamenti speciali con autori di libri ma anche con geologi e architetti che potranno discutere dei Calanchi e dell'intero territorio della Teverina, andando oltre al concetto di un festival limitato temporalmente, diventando, invece, un continuo viaggio nella cultura, dove sarà possibile trovare sempre qualcosa da vedere, ascoltare, ammirare.

Teresa Pierini