Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

A spasso nell'antica Città Etrusca: Civita Castellana scommette sul turismo con guida e percorso virtuale

In Provincia
Font

CIVITA CASTELLANA - L'amministrazione civitonica investe nella cultura per promuovere il turismo nel territorio.

Pin It

La giunta Giampieri inizia bene l’anno esportando l'immagine del proprio comune, aprendo una finestra sul mondo e pubblicando sull’edizione 2021 della Guida de La Repubblica relativa ai “Cammini della Tuscia” indicazioni di indirizzo enogastronomico e turistico relative alla propria città, oltre naturalmente ad una immagine di Civita Castellana, che risalta in particolare la panoramica aerea del Forte San Gallo. Bene monumentale di grande notorietà.

Questo è solo uno dei primi sintomi, sottolineano il sindaco Luca Giampieri e l’assessore alla cultura Simonetta Coletta, che manifestano tutta l’intenzione di pubblicizzare, progressivamente sempre meglio e su più fronti,la bellezza dei propri paesaggi e la notorietà di una città con caratteristiche naturali e tufacee che la rendono unica e particolare coi suoi segni distintivi che testimoniano di averemolto da offrire al turismo.

Con l’auspicio di incoraggiare un incoming turistico-culturale inoltre, compromesso attualmente come per il resto del mondo dall’avvento della pandemia, non appena la situazione globale lo renderà nuovamente possibile, l’amministrazione comunale ha anche avviato una serie di video conferenze online sui temi archeologici relativi a Civita Castellana, l’antica FaleriiVeteres.

Un’iniziativa realizzata in collaborazione con il Dipartimento di Scienze dell’Antichità della Sapienza Università di Roma, in particolare con l’area di insegnamento di etruscologia e antichità italiche.

Gli incontri sono finalizzati proprio allo sviluppo del turismo e alla crescita della visibilità del territorio, a partire dalla valorizzazione delle peculiarità storico-artistiche dello stesso. Per una sempre migliore e maggiore divulgazione delle caratteristiche distintive di una zona che ha molto da offrire a chi viene a visitarla, e proprio per questa ragione vuole impegnarsi a comunicarlo e renderlo noto più di quanto sia stato fatto finora.

Gli incontri online, di cui verranno fornite coordinate di accesso dai canali di comunicazione istituzionali del Comune, costituiscono un primo percorso, denominato appunto “Alle sei di sera a Falerii –passeggiando in una città preromana”, che darà appuntamento ogni venerdì alle ore 18,00 e che durerà per tutto il 2021, suddividendo i lavori in due tranches, febbraio-giugno e poi settembre-dicembre.

Un ambizioso progetto che non a caso, proprio in questi giorni, in particolare il10 febbraio, è stato persino annoverato dalla stampa d’oltreoceano che, alla pagina 18 dell’Etruscan News. il bollettino della Sezione Americana dell'Istituto di Studi Etruschi e Italici, ospitato dalla New York University, che ha riportato accenni scientifici descrittivi sul progetto,utilissimi a darne risalto di livello internazionale.