Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

L'European Francigena Marathon sceglie Bagnoregio e scoppia il caso

In Provincia
Font

BAGNOREGIO - E' bastato l'annuncio del sindaco Profili per scatenare la polemica: "Quest’anno l’European Francigena Marathon farà il suo arrivo Civita. Ospiteremo i camminatori della nona edizione, il 30 maggio 2021. Il nostro legame grazie alla via Romea Germanica. Una notizia stupenda per il nostro paese, un evento amatissimo che arriva a Bagnoregio, cercheremo di essere all’altezza".

Pin It

Bagnoregio non si trova sulla via Francigena ed è bastato questo per scatenare la reazione di chi di Francigena dovrebbe viverci e profilerare. Parliamo in particolar modo di Montefiascone, che si vede "scippare" l'arrivo di questa manifestazione, con il suo carico di turisti e appassionati.

In queste situazioni il peso più grande è sicuramente quello che viene dato alla capacità organizzativa, ai servizi offerti e su questo Bagnoregio, negli anni, ha dimostrato di essere modello per tutti. Forse anche per questo, gli organizzatori della maratona hanno esteso al percorso della Romea, che poi cade sempre nel territorio falisco, e hanno deciso di puntare su Civita.

Gioia per i Calanchi, rabbia sul colle Falisco, dove la reazione è stata immediata, sia sui social che direttamente con il sindaco Profili, che è stato costretto a tornare sull'argomento: "Mi hanno scritto alcuni amici di Montefiascone per sapere di più sulla notizia che abbiamo dato ieri che riguarda la maratona francigena - scrive il primo cittadino bagnorese -. Cercherò di essere chiaro e limpido: Bagnoregio non ha rubato nulla, sappiamo bene che il nostro paese non è attraversato dalla stessa Francigena ma abbiamo accettato con entusiasmo il fatto che l'edizione della maratona di quest'anno potesse avere il suo arrivo nel nostro borgo. 

Questo accade per diversi motivi. Il primo, grazie all'ottimo rapporto instaurato con le amministrazioni dei paesi dove l'evento avviene da anni. Il secondo, perchè dopo tanti anni di intenso lavoro, nonostante la pandemia, Civita ha raggiunto una capacità attrattiva in quanto ad eventi e turismo, notevole. Il terzo, perchè forse qualcosa nelle edizioni precedenti non è andato bene. Il quarto, insieme al comune di Bolsena, stiamo facendo un lavoro importante sui percorsi che collegano i nostri paesi, visto che i due comuni turisticamente, hanno raggiunto una maturità importante.

Montefiascone è un paese meraviglioso, pieno di potenzialità inespresse o espresse parzialmente - conclude Profili - che spero possa trovare nei prossimi tempi, il ruolo di rilievo che merita.

Io nel tempo ho cercato di fare il massimo per proteggere gli eventi importanti nel nostro paese ed accogliere gli eventi che già altrove hanno avuto successo. Non esiste cosa più importante, per la promozione turistica di un luogo, di avere eventi di grande qualità e storia, e la maratona francigena, anche se cambierà nome, rappresenta tutto questo. Più importante degli interessi dei bagnoresi e di Bagnoregio, per me, non esiste nulla".

La lezione data da Luca Profili è sempre la stessa: serve sinergia, si vince uniti, proponendo progetti che collegano più territorio. Solo facendo rete e rappresentando con serietà ed impegno i propri cittadini si possono ottenere risultati, una lezione che deve andare necessariamente oltre ai campanili.

T. P.