Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

“Gli Etruschi e Il Mare”: il direttore Casi presenta le scoperte alla necropoli dell’Osteria e a Poggetto Mengarelli

In Provincia
Font

TARQUINIA - Torna questa sera, giovedì 12 agosto, alle ore 21.30 nella Lizza della Torre di Dante a Piazzale Europa, il ciclo di conferenze “Gli Etruschi e Il Mare”, con il direttore scientifico del Parco Archeologico di Vulci, Carlo Casi, che presenterà gli esiti delle ultime scoperte alla necropoli dell’Osteria e a Poggetto Mengarelli, dove dal 2016 ad oggi sono state scoperte oltre 106 tombe etrusche.

Pin It

“Le recenti ricerche e scoperte a Vulci” definisce il viaggio alla scoperta del territorio della metropoli etrusca, la cui storia penalizzata dalla carenza di fonti e dall’attività clandestina, risulta colmata dai dati provenienti dalle ricche necropoli, in particolare dai ritrovamenti negli ultimi scavi.

Questo rivelano tre mostre inaugurate nelle ultime settimane: “Gli ultimi Re di Vulci. L’aristocrazia etrusca vulcente alle soglie della conquista romana” al museo archeologico di Vulci, oltre a due mostre itineranti "La sfinge di Vulci" al museo della ricerca archeologica di Vulci a Canino e “Sfingi, leoni e mani d’argento. Lo splendore immortale delle famiglie etrusche di Vulci" ora al complesso monumentale di San Sisto a Montalto di Castro che, partendo dalle recenti acquisizioni, vuole evidenziare lo sviluppo della civiltà etrusca e i rapporti con l’Oltralpe seguendo il filo conduttore degli scambi commerciali e del comune atteggiamento di autocelebrazione delle aristocrazie antiche.

Un itinerario che attraverso la cultura di Golasecca, giunge in Germania, seguendo le somiglianze storiche, antropologiche e artistiche tra gli Etruschi, i primi Celti e i loro predecessori della cultura di Hallstatt.

L’evento si svolge con il Comune di Tarquinia, sotto l’egida del MIC (Ministero della Cultura), della Regione Lazio, della Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Etruria Meridionale, della Direzione Regionale Musei Lazio, nell’ambito del progetto “EtruSCO”, finalizzato alla valorizzazione e promozione culturale del sito Unesco delle necropoli di Tarquinia e Cerveteri e dei rispettivi territori. Gode inoltre della collaborazione dell’Assonautica di Tarquinia “G. Maffei”, dell’Università di Perugia, dell’Università di “Roma Tre”, del Museo del Mare e della Navigazione Antica e del Parco Archeologico di Vulci.