Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Gli studenti dell'Istituto Morano di Caivano in visita a Intrecci

In Provincia
Font

CASTIGLIONE IN TEVERINA - Nei giorni scorsi, 24 studenti dell’Istituto Superiore “F. Morano” di Caivano in provincia di Napoli, sono stati ospitati nella sede di Intrecci, l’Accademia di formazione di Sala e Accoglienza, fondata dalle sorelle Cotarella.

Pin It

I ragazzi delle quarte e quinte classi dell’Istituto di Caivano hanno avuto l’occasione di partecipare concretamente a una giornata all’interno del Campus di Castiglione in Teverina, conoscere lo staff, gli studenti e i Maîtres, docenti della consueta lezione di Sala del lunedì, Matteo Zappile (Il Pagliaccio **) e Marco Amato (Imago all’Hassler *). Con entusiasmo e attenzione hanno partecipato ad alcuni momenti teorico - pratici del percorso formativo.

“Ognuno di noi nasce con un solo dovere che poi diventa il nostro primo diritto: dare voce alla nostra unicità. -ha detto Marta Cotarella, direttrice dell’Accademia Intrecci, accogliendo i giovani ospiti- E c’è solo un modo per farlo: seguire i nostri sogni dopo averli trovati dentro di noi. Dobbiamo avere fiducia nei sogni dei nostri ragazzi, - ha, quindi, aggiunto rivolta ai docenti presenti - creando un luogo per accoglierli, luogo di speranza e di costruzione del futuro. Intrecci nasce per essere questo luogo”.

La visita è uno dei momenti previsti dalla collaborazione tra Famiglia Cotarella e l’Istituto Superiore “F. Morano” per sostenere i ragazzi nella loro crescita professionale, avviata lo scorso dicembre insieme alla Famiglia Scudieri, leader mondiale nel settore automotive (il progetto è stato preentato a Napoli lo scorso dicembre: Storie di intrecci: le Fondazioni Cotarella e Scudieri insieme per i giovani di Caivano).

Le due famiglie, che con le rispettive attività, sono tra i più significativi rappresentanti del Made in Italy, hanno voluto dare una risposta concreta all’esigenza espressa dalla Preside Carfora di poter fare della scuola una “diga” alla microcriminalità, combattendo la dispersione scolastica. Per questo, hanno avviato percorsi di orientamento al lavoro e tirocinio formativo, oltre ad aver messo a disposizione della scuola professionisti nel campo dell’elettronica, programmazione in PLC e della meccanica, da un lato, della ristorazione e dell’ospitalità, dall’altro, per approfondimenti e confronti, come quello che si è svolto a Castiglione in Teverina. Infine, saranno elargite borse di studio per gli studenti più meritevoli, in uscita dall’Istituto nel 2024 per partecipare alla prossima edizione di Intrecci, in grado di garantire l’ingresso nel mondo del lavoro con una professionalità elevata e riconosciuta.