Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

"Infiniti Mondi”: un’altra prima nazionale a Teatri di Pietra

Teatro e Cinema
Font

SUTRI - Dopo il grande successo dell’apertura, torna, a un week end di grande cultura con i prossimi appuntamenti della prestigiosa rassegna di Teatri di Pietra.

Pin It

La manifestazione alla XVIII edizione, a cura di Pentagono Produzioni e Circuito Danza Lazio, è diretta dal maestro Aurelio Gatti e, anche in questo fine settimana presenterà delle proposte di elevato livello, tra cui “Infiniti Mondi”, un’altra anteprima nazionale dopo la Donna a Tre Punte di sabato scorso.

Dopo "Bianca, Omaggio a Moby Dick" di Herman Melville, stasera, venerdì 17 è la volta della prima nazionale di Infiniti Mondi da Giordano Bruno - di Tato Russo.

“Gli costò il rogo, ma il suo ostinato indagare seminò l’idea di una molteplicità di genti, pensieri e mondi coesistenti nella contemporaneità del tempo. Solo dopo, Giordano Bruno è divenuto il simbolo della massima libertà d’espressione per la quale si dispose a morire. Forse allora il pensiero iniziò una nuova vita, che poi sarà chiave di volta della coscienza morale moderna…
Cosa fa di Giordano Bruno materia di teatro?
Oltre “Il Candelaio” e l’incontro con letterati e scrittori tra cui Shakespeare , è quella «filosofia virile e impaziente tutta piena di ‘furor eroico’ per la ricerca del vero, e di ‘fastidio’ per i perditori di tempo» che fa di Giordano Bruno argomento e ingrediente del Teatro….
“Maleritto me” è il mantra di INFINITI MONDI: non una invocazione ma una sommessa e dolorosa affermazione che si perpetua ….. in scena il Maledetto – Mario Brancaccio , e gli Infiniti Mondi - Carlotta Bruni, Rosa Merlino, Marie Claire Gurrieri e Paola Salibas”

Sabato 18, infine, torna Dimmi Tiresia, una produzione Mda Danza, scrittura teatrale inedita di Luisa Stagni (attrice, regista e drammaturga) che nasce nel 2015 come lirica dell’ascolto: l’autrice, resa cieca dalla malattia, approfondisce e concentra la sua ricerca sulla percezione, sensoriale e relazionale, come metodo e formazione dell’attore.
Dopo CieKaPuk e Via Calafrutti 30, con Dimmi Tiresia la cecità non è più uno status di menomazione, ma la condizione - quasi necessaria – per la conoscenza.

Teatri di Pietra è una manifestazione realizzata in collaborazione con il Comune di Sutri, il patrocinio del Ministero per i Beni le Attività Culturali e per il Turismo, Sovrintendenza per i Beni Archeologici dell’Etruria Meridionale, la rete nazionale dei teatri antichi ed il festival Teatro Romano di Volterra.