Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Simone Cristicchi protagonista del concerto di Santa Rosa

Spettacolo
Font

VITERBO - Dopo una lunga pausa, finalmente, ripristinato il concerto di Santa Rosa che, come da tradizione, chiude i festeggiamenti in città. Quest’anno, l’ospite d’onore sarà Simone Cristicchi ed il suo spettacolo, ad ingresso gratuito, si terrà giovedì 5 settembre in piazza dei Caduti davanti alla chiesa degli Almadiani.

Pin It

Il cantattore, come ama definirsi, tornato sulle scene dopo sei anni dal suo ultimo lavoro discografico, farà tappa a Viterbo con il suo tour “Abbi cura di me”, un live in cui porterà tutti i suoi maggiori successi, dagli esordi del 2005 fino all’ultimo Sanremo, nel febbraio scorso.

Un viaggio alla scoperta e alla riscoperta del mondo versatile e dalle mille sfaccettature di questo eclettico artista, che ha fatto della sottile ironia unita alla riflessione profonda la sua cifra stilistica.

“Avere Simone Cristicchi come artista principale che chiude le celebrazioni di Santa Rosa è per noi un onore ed un privilegio – dichiara l’assessore al Turismo Marco De Carolis -. Cristicchi è un artista profondo ed imprevedibile: musicista, attore e autore teatrale, scrittore, oltre che Direttore del Teatro Stabile d’Abruzzo. La sua è una carriera costellata di premi e riconoscimenti che prenderà forma, in tutte le sue sfaccettature, in un concerto esclusivo, fatto di alchimie di parole, immagini, canzoni e racconti”.

“Il concerto del 5 settembre sarà sicuramente una di quelle date memorabili, sia per il prestigio dell’artista sia per il messaggio di cui lui stesso si dichiara portavoce nel suo ultimo brano: Una preghiera d’Amore universale, una dichiarazione di fragilità, una disarmante richiesta d’aiuto" conclude il sindaco Giovanni Arena.