Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Donatella Pandimiglio: una viterbese a The Voice Senior con le note proposte in un Teatro dell'Unione senza pubblico

Protagonisti
Font

VITERBO - Donatella Pandimiglio, artista poliedrica viterbese d'origine, ha portato ieri sera tutta la sua arte sul palco di The voice senior, conquistando i quattro giudici.

Pin It

Il brano scelto, "La voce del silenzio" è un amarcord per questa città, una canzone che riporta indietro di tre anni, quando la Pandimiglio la scelse per girare un video dentro un Teatro dell'Unione tristemente e desolatamente vuoto. Era il momento dell'emergenza ma anche della disperazione di un mondo, quello dello spettacolo, che non riusciva a vedere una luce in fondo al tunnel. Allora la intervistammo (leggi "La voce del silenzio": Donatella Pandimiglio lancia il suo grido portando nel mondo il Teatro Unione), ora la ritroviamo piena di speranza, accompagnata dal marito e dalla nipote, stavolta a proporre il suo talento su Rai Uno nel programma di Antonella Clerici, che per lei prosegue nella squadra di Arisa.

Entusiastiche le parole dell'assessore Antoniozzi, che cita proprio l'episodio del video: "La partecipazione di un grande nome del teatro musicale italiano come quello di Donatella Pandimiglio alla trasmissione televisiva 'The Voice Senior' lo scorso venerdì è motivo di grande orgoglio per la nostra città.

Il primo ricordo che ho di lei è legato ai 'Sette Re di Roma', un musical straordinario con Luigi Proietti scritto da Luigi Magni, con le musiche di Nicola Piovani, con Micha Van Hoecke alle coreografie e la regia di Garinei, al Sistina. Indimenticabile, irresistibile, talentuosa, straordinaria. Quello che non sapevo allora (era il 1989) è che Donatella fosse nostra concittadina. Avrei dovuto arrivarci, visto che da ragazzo ogni giorno a Radio Verde lavoravo con sua sorella, ma tant’è!

E’ pressoché impossibile riassumere in poche righe oltre quarant’anni di una luminosa carriera teatrale che ha portato Donatella sotto i riflettori del Sistina, del Parioli, dell’Ambra Jovinelli e dei più grandi teatri italiani.

Da 'collega di un altro repertorio' posso dire che è stato stupefacente ascoltarla - prosegue - non più tardi di un mese fa, in una serata concerto dedicata a Mina: due ore di musica durante le quali non c’era una nota fuori posto, non una sbavatura, non un’incertezza di intonazione. Senza rete, senza auto-tuner, senza diavolerie meccaniche, senza auricolari. Semplicemente due ore in cui un talento purissimo sostenuto da una vita di studio e perfezionamento raccontava storie attraverso le note, ogni canzone si faceva racconto, ogni racconto si faceva teatro. Con un’eleganza e uno stile di cui, personalmente, avverto altrove troppo spesso la mancanza.

Quella serata si è aperta con il video della sua versione de 'La Voce del Silenzio', interamente girato nel nostro Teatro dell’Unione. Cercatelo su YouTube, ne vale davvero la pena.

Sono particolarmente felice di averle proposto, in quell’occasione, di essere la protagonista del nostro prossimo concerto di capodanno, il primo gennaio 2025, e particolarmente onorato del fatto che abbia immediatamente accettato l’invito.

In bocca al lupo, cara Donatella, da parte mia e da parte di tutta la città che mi onoro di rappresentare. Sono certo che i tuoi concittadini seguiranno con passione questo percorso televisivo: se ancora il talento e il merito hanno un posto in questa società sono certo di vederti in finale - conclude Antoniozzi - e altrettanto certo che, se questo dovesse accadere, Viterbo non mancherà di farti sentire tutto il suo affetto attraverso il televoto".

Ci associamo all'assessore Antoniozzi, tiferemo per lei durante la semifinale del 22 marzo, sperando di vederla nella finale il 29, quando con il televoto potremo supportarla e magari portarla al trionfo.

Teresa Pierini