Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Il gruppo alpini Viterbo all'estremo saluto del socio e amico Antonio Maria Miotto

Viterbo
Font

VITERBO - Le Penne Nere Viterbesi in lutto per l'addio ad Antonio Maria Miotto, scomparso dopo una lunga malattia, mercoled' 14 agosto, all’età di 74 anni.

Pin It

La sua iscrizione al Gruppo Alpini Viterbo, risale agli anni della sua costituzione, e da sempre è stato sempre pronto a presenziare eventi e manifestazioni, con un entusiasmo e una voglia di fare davvero ammirevole.

Questa mattina presso la Chiesa del Sacro Cuore, gremita di parenti e amici, presente anche il Gagliardetto del Gruppo Alpini Viterbo e una rappresenta del locale gruppo, guidato dal Capogruppo 1’ Mar.Lgt. (ris.) Franco Barillà.

Dopo la cerimonia, la preghiera dell’alpino e un breve discorso del Capogruppo.

"In poco più di un anno, il Gruppo Alpini Viterbo ha perso cinque dei suoi soci. Ed io nelle mie funzioni di Capogruppo, dopo aver letto la preghiera dell’alpino, mi ritrovo qui come sempre, a salutare a nome di tutti gli alpini del Gruppo, uno dei nostri alpini e oggi tocca a te Antonio.

Non è facile credetemi - ha precisato nel discorso Franco Barillà - esprimere in due parole tutto quello che è stato Antonio per il Gruppo. Tutto ..... purtroppo gli ultimi anni, ha dovuto combattere con la malattia, anche se di tanto in tanto veniva, quando poteva, ai nostri incontri o ricorrenze, se pur accompagnato dal figlio Maurizio e dalle sue inseparabili stampelle.

Ci mancherai Antonio, mancherai a tutti noi.

Hai lasciato questa vita terrena, e iniziato il cammino verso quel sentiero che un giorno, percorreremo tutti noi. Buon viaggio Antonio, se puoi prega per la tua famiglia, ma prega anche per tutti noi, affinché questa voglia di alpinità non affievolisca in noi.

Affidiamo la tua anima, chiedendo l’intercezione del nostro Beato don Carlo Gnocchi, affinché ti accompagni e ti guidi nel Paradiso del Cantore".

Al termine della funzione religiosa, i figli hanno voluto donare al gruppo, per la sua custodia, il cappello alpino del loro papà.