Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Scuola Edile e Ance: consegnati gli attestati del corso per detenuti

Viterbo
Font

VITERBO -Esev-Ctp Formazione e Sicurezza (Scuola Edile) e Ance Viterbo (Associazione Nazionale Costruttori Edili) hanno consegnato alla direttrice della casa circondariale di Viterbo Anna Maria Dello Preite gli attestati finali del corso di formazione obbligatorio (articolo 37 sulla formazione in tema di sicurezza del lavoro) tenutosi all'interno del penitenziario e rivolto a 15 detenuti prossimi all'uscita.

Pin It

È stata una preziosa occasione per un confronto tra le parti, finalizzato ad ascoltare le esigenze dei detenuti e dell'organizzazione della casa circondariale riguardo alle tematiche della formazione e della sicurezza sul lavoro, ponendo le basi per un proseguimento di tale collaborazione che non si limiti ai soli corsi obbligatori, ma si estenda ad attività di insegnamento di un mestiere con l'obiettivo di provare a reintegrare nel mondo del lavoro i detenuti che hanno le caratteristiche idonee.

"Ance sostiene con orgoglio questo importante progetto della Scuola Edile - commenta Andrea Belli, presidente di Ance Viterbo - che, oltre ad adempiere alle proprie finalità istituzionali verso chi opera nel settore costruzioni, riveste anche un importante funzione sociale nel fornire un'adeguata formazione ai detenuti nell'ottica di un successivo reintegro nella società. Un obiettivo sicuramente ambizioso: questo primo corso ha messo le basi e crediamo che questa collaborazione possa proseguire e per la quale ringrazio il presidente di Esev-Ctp Sergio Saggini e la direttrice della casa circondariale Dello Preite".