Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Alla Casa della Salute di Bagnoregio un laser all'avanguardia

Provincia
Font

BAGNOREGIO – Lo potete trovare nei palazzetti degli Usa dove si gioca l'NBA o sui campi del football professionistico o della serie A di calcio. Ma anche presso la Casa della Salute di Bagnoregio. Il nome suona così: K laser cube ed è il top nella cura dei traumi da impatto su ossa e muscoli. Ha inoltre tante altre applicazioni importanti. In dermatologia: per intervenire su verruche o altre patologie dermatologiche; ma serve anche per favorire la cura di ulcere venose e diabetiche e piaghe da decubito.

Pin It

Può essere utilizzato anche per gengiviti e stomatiti. E' stato donato dal Comune di Bagnoregio alla Casa della Salute, all'interno di quel percorso di collaborazione che l'amministrazione Bigiotti sta portando avanti con la Asl di Viterbo. Una bella conquista per la struttura sanitaria resa possibile anche grazie alla collaborazione con A.ri.ba.c Onlus, associazione del territorio che collabora con l'Asl nel segmento delle disabilità. “Questo laser è uno strumento importante per rafforzare l'offerta della nostra Casa della Salute. Siamo convinti dell'importanza di investimenti nell'eccellenza per garantire cure adeguate ai nostri cittadini all'interno di un percorso virtuoso che stiamo portando avanti in collaborazione con la Asl”.

Soddisfazione anche per il direttore generale della Asl Daniela Donetti: “Ringrazio il Comune di Bagnoregio per questa donazione che è prova del forte legame e della sinergia con cui stiamo portando avanti l'esperienza fondamentale di una struttura intermedia come la Casa della Salute di Bagnoregio”. Una realtà che sta registrando dati estremamente positivi. “Abbiamo chiuso il 2018 con 23800 presenze e 64mila prestazioni – spiega il direttore dottor Ivano Mattozzi -. Siamo cresciuti del 15% rispetto al 2017”.