Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Presentato Resist 2018: le voci degli invisibili

In Citta'
Font

VITERBO - Si è tenuta alla sala del Consiglio del palazzo dei Priori di Viterbo la conferenza stampa di presentazione dell’edizione 2018 del festival Resist, organizzato da Arci Viterbo in collaborazione con i circoli Arci della provincia di Viterbo e con ANPI comitato provinciale Viterbo e prevede appuntamenti diffusi in molti comuni della provincia, presentando spettacoli teatrali, reading, presentazioni di libri, dibattiti e proiezioni.

Pin It

La quattordicesima edizione si terrà dal 19 aprile al 4 maggio 2018. Il presidente di Arci Viterbo Marco Trulli ha sottolineato l’importanza della manifestazione per mantere una memoria attiva della Resistenza e dell’antifascismo, sia attraverso la proposta di iniziative che indagano il passato, sia attraverso interventi sui momenti critici dell’attualità, come l’affermarsi di populismi e la crescente intolleranza nei confronti degli stranieri e dei migranti.

In particolare tra le iniziative, si segnala il reading dell’antropologo Andrea Staid, Schiavi al posto nostro, le voci degli invisibili, sulla condizione dei migrantila proiezione, a cura di Aucs Onlus del film The Hate Destroyer di Vincenzo Caruso (il 26 aprile alle 21.00 al cinema Trento); un’approfondimento sui populismi (il 28 aprile, alle 17.30, presso lo spazio Arci Biancovolta), con Leonardo Bianchi e Manuel Anselmi.

L’Arci ha anche promosso l’idea di adottare un regolamento per la concessione degli spazi pubblici che la vincoli alla dichiarazione di adesione ai principi democratici e antifascisti.
Su questo punto è tornato Enrico Mezzetti, presidente provinciale dell’Anpi, che ha evidenziato come il fascismo sia la negazione della democrazia e che la nostra Repubblica è fondata sull’antifascismo che non è un patrimonio di una sola parte politica, ma di tutti i cittadini.

Ha concluso la conferenza stampa l’assessore alla Cultura del comune di Viterbo Antonio Delli Iaconi che è ritornato sul tema del populismo sottolineando l’importanza di un incontro come quello messo in programma da Resist per discutere di un tema estremamente attuale.

Durante tutta la manifestazione Arci e ANPI raccoglieranno le firme per la campagna nazionale Mai più fascismi. (Le foto della conferenza stampa sono della volontaria del Servizio Civile Alessia Ceccherini).

Per informazioni sul festival: www.arciviterbo.it - www.arciviterbo.it/resist