Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

L'incredibile addio di Roberto Galli, batterista dei Costa Volpara, padre, amico

In Citta'
Font

BLERA - Ha scelto una delle tante giornate buie di questa quarantena per lasciare questo mondo: lui è Roberto Galli, batterista dal cuore d'oro dei Costa Volpara, padre della dolcissima Aly che stava trascorrendo questo periodo con luli in casa dei nonni.

Pin It

Non è mai facile scrivere di un ragazzo che se ne va, diventa difficile se sei abituata a vederlo sorridere seduto alla sua batteria e ricordi quell'ultimo concerto seguito tempo fa, in un angolo gioioso alla Fattoria delle Due Rose. Aveva un'immensa passione per la musica e il suo sguardo si illuminava mentre suonava.

Non è più tra noi ed oggi, guardando il suo profilo Fb non può non saltare all'occhio i suoi ultimi due post. Aveva cambiato l'immagine di copertina, aggiornandola con una foto in studio con il suo inseparabile strumento e anche quella di profilo. Ed è quella che fa davvero pensare, oggi, dopo poche ore l'irrimediabile gesto. Con lui, in una meravigliosa foto in bianco e nero c'è Max Stendardi, batterista dei Fiori neri, indimenticabile musicista che ha lottato, lui si, fino alla fine per uscire dal tunnel della malattia.

Roberto ha scelto proprio quella foto a due per lasciare questa terra, e sotto si stanno moltiplicando centinaia di messaggi, amici, conoscenti, fratelli di note. Oggi, guardando quella foto, a tutti viene in mente che forse ci si doveva pensare. Tardi, troppo tardi. Ora suoneranno insieme altrove, in infinite battle di batteria.

Un abbraccio speciale alla piccola Alissa, alla sua mamma Barbara, ai genitori di Roberto e a tutti quelli che gli hanno voluto bene. Che la terra ti sia lieve Roberto.

T. P.