Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Video Mapping al Duomo e fasci di luce a San Sisto e Santa Rosa

In Citta'
Font

VITERBO - Arriva il 3 settembre, Viterbo si prepara a onorare la festività di Santa Rosa. Un 3 settembre indubbiamente diverso rispetto alla festa a cui tutti noi siamo abituati da sempre e che tutti noi avremmo voluto vivere anche quest'anno.

Pin It

Il Trasporto della Macchina di Santa Rosa non ci sarà per le motivazioni che tutti sappiamo. Ma la città avrà modo comunque di onorare Santa Rosa. In modo simbolico, ma sicuramente di grande valore spirituale.

Queste le parole del sindaco Giovanni Maria Arena alla vigilia del giorno più atteso dalla città di Viterbo. "Una luce particolare e suggestiva contraddistinguerà la sera e la notte del 3 settembre - spiega il primo cittadino -. A San Sisto e sul sagrato della basilica di Santa Rosa si alzeranno due fasci di luce, proiettati verso il cielo. Due luoghi particolarmente significativi che richiamano il primo Sollevate e Fermi, la partenza della Macchina di Santa Rosa, e poi l'arrivo davanti alla basilica.

Sempre il 3 settembre, in piazza San Lorenzo, sulla facciata della cattedrale, attraverso proiezioni in video-mapping, si potrà rivivere parte del Trasporto della Macchina di Santa Rosa, grazie al progetto Le feste sospese - Visioni in assenza, promosso dalla Rete delle grandi macchine a spalla, modulato sul progetto dell'Istituto Nazionale per il Patrimonio Immateriale, e 'costruito', con un piano condiviso tra comunità e istituzioni, insieme all'Ufficio Patrimonio Unesco del Mibact. Sarà un 3 settembre diverso, che rimarrà inevitabilmente impresso nella memoria di tutti noi viterbesi".