Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Quattro mesi di musica con il Festival culturale dell'area Etrusco Cimina

In Citta'
Font

VITERBO - Presentato questa mattina alla Sala Assemblee della Fondazione Carivit, dal Commissario Straordinario della Comunità Montana dei Cimini Eugenio Stelliferi, il programma e le iniziative del Festival culturale dell'area Etrusco Cimina.

Pin It

Il festival promosso dalla Comunità Montana dei Cimini coinvolgerà 15 comuni aderenti al Sisc – Sistema integrato dei Servizi Culturali dell’area Etrusco Cimina.

Il progetto coinvolgerà le biblioteche, gli archivi storici e i musei dei comuni di: Caprarola, Capranica, Carbognano, Canepina, Nepi, Soriano del Cimino, Oriolo Romano, Gallese, Blera, Barbarano Romano, Vitorchiano, Ronciglione, Vetralla, Vignanello e la Fondazione Carivit con il suo Museo della Ceramica della Tuscia.

In questi comuni, grazie al contributo ottenuto dalla Regione Lazio con la Legge Regionale 24/2019, il festival realizzerà da marzo a giugno 2022 oltre 80 eventi tra presentazione di libri di storia locale, autori nazionali, concerti, passeggiate racconto e spettacoli teatrali nelle scuole.

Oltre a questi eventi, il festival realizzerà un documentario a cura del regista cinematografico Dario Germani, un catalogo e depliants sui musei del Sisc.

Nel mese di aprile il festival renderà omaggio a Dante portando nelle scuole dei 15 comuni uno spettacolo teatrale in maschera sul sommo poeta.

Gli spettacoli teatrali saranno curati da Federico Moschetti e l’associazione Tradirefareteatro.

Ogni domenica, poi, nei comuni coinvolti si terrà una passeggiata racconto sulla storia dei luoghi a cura dei Narratori di Comunità di Antonello Ricci.

Oltre a queste realtà culturali hanno collaborato alla realizzazione del festival l’associazione Humanae Vitae per le presentazioni dei libri di autori nazionali, l’associazione Jazz in Italy per i concerti e il Gruppo Interdisciplinare per studio della cultura tradizionale dell’alto Lazio del professor Quirino Galli.

La progettazione e la direzione artistica ed esecutiva del festival invece sono affidate all’associazione Arca e ad Italo Leali.

Tra gli ospiti importanti personaggi della cultura come: Dacia Maraini, Jonis Bascir, Dania Mondini, Massimo Bray, Massimo Smeriglio, Nicola Bunialti, Giorgio de Finis e Paolo Di Paolo. Per la musica tra gli ospiti i Traindeville, Orchestralunata, Simone Gamberi, Gegè Munari, Luca Casagrande, Riccardo Giraudo, The Beatcoins, Paolo Recchia, Alessandro Bravo, Caruso Project, Her Pillow, Pizzicanto e Anomanouche Gipsy Quartet. A questo link la conferenza stampa https://fb.watch/bwmCYVd1d4/ 

Per il programma completo della manifestazione è visionabile sulla pagina Facebook/festivalculturaledellareaetruscocimina
Il primo appuntamento a Gallese con il seguente programma:

04 marzo - Incontri con gli autori: libro storico locale (ore 18.00) Museo e Centro culturale “Marco Scacchi”

"I signori della Tuscia" di Quattranni – Annulli editore

I contributi raccolti in questo volume seguono il filo conduttore delle relazioni tra le famiglie nobiliari, intessute di accordi matrimoniali e alleanze politiche e militari, ma spesso anche di forti rivalità e conflitti per interessi patrimoniali e di potere politico. Il saggio di apertura di Giancarlo Cipriani è dedicato ai Baglioni di Castel di Piero (oggi San Michele in Teverina), dei quali si ricostruiscono le origini e le vicende evidenziando le figure dei vari personaggi della famiglia che si è affermata praticando il mestiere delle armi.

Una sintesi delle vicende dei Monaldeschi, con riferimento al ramo della Cervara e ai loro tentativi di controllo territoriale della Val di Lago, è tracciata nell'intervento di Antonio Quattranni, in cui si mette in evidenza la fase di passaggio dal protagonismo cittadino all'interesse per il controllo del territorio e quindi l'ottenimento, da Bonifacio IX, del vicariato di Bolsena. Le politiche matrimoniali degli Sforza di Santa Fiora sono oggetto del saggio di Angelo Biondi, che ne illustra l'ampia parabola dall'ascesa alla decadenza del casato. I contributi di Francesca Giurleo ricostruiscono le vicende di due importanti unioni matrimoniali di esponenti della famiglia Orsini: i signori di Bomarzo Vicino Orsini e Giulia Farnese e la drammatica vicenda delle nozze tra il duca di Bracciano Paolo Giordano Orsini e Isabella de' Medici, figlia di Cosimo I granduca di Toscana.

Chiude il volume un saggio, riedito in memoria, di Fabiano Tiziano Fagliari Zeni Buchicchio relativo alle notizie d'archivio sugli architetti e ingegneri militari Ascanio e Vitozzo Vitozzi da Bolsena riguardo al periodo precedente al loro trasferimento a Torino, ove furono al servizio di Carlo Emanuele I di Savoia. Angelo Biondi, Fabiano Tiziano Zeni Buchicchio, Giancarlo Cipriani, Francesca Giurleo, Antonio Quattranni.

05 marzo - Incontri con gli autori: libro autore nazionale (ore 18.00) Museo e Centro culturale “Marco Scacchi”

Jonas Bascir presenta "Il jazz non è morto"

Attraverso quattro domande specifiche - 1) Il jazz è morto? 2) Come si sta rinnovando? 3) Quale sarà il futuro? 4) Chi sono i nuovi alfieri e le nuove amazzoni del jazz? - questo libro si pone l'obiettivo di stimolare il dibattito sull'evoluzione della musica jazz, per capire insieme se è una musica defunta oppure se ha preso nuove sembianze continuando a sorprenderci. I jazzisti italiani sono considerati oggi i migliori musicisti al mondo dopo i loro colleghi americani. Nell'intimità delle loro case, Jonis Bascir, attore e musicista, ha interrogato i massimi esperti del settore di diverse generazioni, mettendo a confronto risposte che spingono verso la ricerca e nuovi stimoli. L'ampiezza, la profondità e la luce delle risposte di tutti gli illustri intervistati ci aprono a mondi possibili del jazz; un percorso visivo attuale, interessante e vario. L'eterogeneità degli argomenti trattati sembra confluire verso un denominatore comune: la vitalità del jazz, la sua naturale capacità di assorbire stimoli dal tempo in cui vive e condividerli con il prossimo.

Jonas Bascir, nasce nel 1960 a Roma, Italia (ha 61 anni). Tra i suoi film come interprete e autore delle musiche, ricordiamo: Dietro la notte (2021), Ostaggi (2021), Luigi Proietti detto Gigi (2021), Soul (2020), Tu mi nascondi qualcosa(2018), Non c'è 2 senza te (2015), Tre tocchi (2014), Il Mercante di Stoffe (2009), Il mercante di pietre (2006), COMUNQUE MIA (2004), Il commissario Montalbano: Il ladro di merendine (1999), TOILETTE (1999), Un medico in famiglia (1999).

05 marzo - La musica nei luoghi di cultura (ore 21.00) Museo e Centro culturale “Marco Scacchi”

Vittorio Cucullo Duo

Nato a Roma il 2-10-1993, fin da piccolo ha avuto modo di fare musica, partecipando a laboratori e corsi di musica d’insieme nella Scuola Popolare di musica di Villa Gordiani. Ha frequentato una scuola media a indirizzo musicale, studiando percussioni e iniziando contemporaneamente lo studio del sassofono. Per tre anni ha fatto parte, come percussionista, della JuniOrchestra, Orchestra giovanile dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma, proseguendo lo studio del sassofono con il M° Alfredo Santoloci. Nel 2009 ha frequentato i seminari di Nuoro Jazz ottenendo la borsa di studio per la re-iscrizione gratuita al corso di sassofono. Nel 2010 ha frequentato i seminari di Otranto Jazz festival, ottenendo la borsa di studio come miglior talento. Nel mese di Ottobre dello stesso anno, ha frequentato il corso di formazione orchestrale con la SidMa Jazz Orchestra di Chieti in Jazz, diretto da Roberto Spadoni. Nel 2011 ha partecipato, come sassofonista solista, alla realizzazione del progetto “…e quindi uscimmo a riveder le stelle”, musica e ritmi nel verso dantesco, con il patrocinio del Municipio Roma XI. A Giugno 2011 ha ottenuto una borsa di studio al Berklee college of music di Boston, dove ha frequentato il “Five week summer program”. Nel 2012 ha vinto la borsa di studio Europea YouMe, Young Musicians Play Europe, esibendosi in quartetto al festival di Varsavia e alla casa del Jazz di Roma . Nel 2013, con la New Talent Jazz Orchestra diretta da Mario Corvini, alla Casa del Jazz di Roma, ha preso parte alla realizzazione del progetto “ Guida all’ascolto” e alla Monday Night Jazz Orchestra, nell’ambito della quale sono stati ospiti Xavier Girotto, Stefano di Battista e Daniele Tittarelli. Ad Agosto 2013 gli è stata assegnata, ai seminari di Nuoro jazz, la borsa di studio per formare un gruppo con i migliori allievi, registrare un CD, aprire a Berchidda l’edizione 2014 ed aprire l’edizione 2015 del premio Bettinardi. A Marzo 2014 ha preso parte, con la New Talent Jazz Orchestra diretta da Mario Corvini, alla trasmissione Web Notte Repubblica TV, tenutasi in diretta all’Auditorium parco della musica di Roma.

06 marzo Centro Storico (ore 10.30)

Un paesaggio può!

Passeggiata Racconto A cura delle Comunità narranti e dei narratori di comunità di Antonello Ricci su Gallese