Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Il corto Sadok ottiene il premio Onu "Reducing inequalities". Plauso dal consigliere regionale Ciacciarelli e dagli amministratori

In Provincia
Font

RONCIGLIONE - "I can't believe in that!" (Non posso crederci!) è stato il commento della regista Gerladine Ottier alla notizia da parte dell'ONU di aver ricevuto il premio "Reducing inequalities" per il cortometraggio "Sadok". La giovane regista si è recata nel quartier generale dell'ONU di New York per ritirare l'importante riconoscimento ottenuto dalla sua pellicola, che tratta la tematica della violenza sulle donne in maniera inedita e delicata, attraverso i colori della tela di un artista di strada.

Pin It

Una notizia che è stata immediatamente rilanciata anche in ambiente regionale, con una nota consigliere regionale del Lazio Pasquale Ciacciarelli, Forza Italia/Laboratorio Lazio per il cambiamento, che ha dichiarato: “Il cortometraggio Sadok girato nella Tuscia, a Ronciglion, ed incentrato sul più che mai attuale tema della violenza di genere, ha ottenuto il premio 'Reducing inequalities' dell’ONU, un risultato che reputo straordinario, una vetrina importante per l’intera Regione. Tutto questo conferma come il cinema sia sotto tutti i punti di vista un grande volano di sviluppo e di turismo per il territorio. Lo abbiamo visto anche un anno fa in provincia di Frosinone, a Roccasecca, dove è stato girato 'Din Don', con Maurizio Battista ed Enzo Salvi. Da presidente della V Commissione Cultura, Spettacolo, Sport e Turismo voglio lanciare un appello alla Giunta Zingaretti affinché investa molto di più in questo settore, che può regalare al territorio un ritorno economico e d’immagine da non sottovalutare".

Sadok, un artista di strada, vede dalle finestre aperte di una casa la quotidianità di una donna sola che nasconde all'esterno le violenze subite dal marito e decide di aiutarla. Il cast vede tra i protagonisti Margherita Mannino, Ahmed Hafiene e Igor Mattei.

Una grande soddisfazione anche nella cittadina, dove ai ringraziamenti pubblici della regista, si sono uniti anche quelli al Comune di Ronciglione, che ha patrocinato l'iniziativa, in particolare all'Istituzione comunale al Turismo, che ha collaborato attivamente alle riprese avvenute nei mesi scorsi nel borgo medievale di Ronciglione, nella suggestiva piazza degli Angeli, con la partecipazione di molti cittadini in qualità di comparse.

"Un riconoscimento meritato – ha affermato il presidente dell'Istituzione comunale al Turismo e alla Promozione del Territorio, Pietro Lazzaroni - che conferisce un importante ritorno di immagine al nostro paese, alle sue bellezze storiche ed artistiche. Rispondo ai ringraziamenti di Geraldine Ottier ringraziando a mia volta tutta la produzione del cortometraggio per aver scelto Ronciglione come set naturale, confermando così un interesse per il nostro paese da parte di produzioni cinematografiche e televisive che spero possa crescere nel tempo".

Ai ringraziamenti di Pietro Lazzaroni si uniscono le congratulazioni del sindaco, Mario Mengoni: "Una visibilità internazionale – ha commentato il sindaco, Mario Mengoni - che acquista ancor più valore in quanto legata ad una tematica sociale importante, che Sadok tratta in maniera delicata e potente. Congratulazioni alla regista e a tutta la produzione per il meritato e prestigioso riconoscimento ottenuto".